Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Da Ranocchia a Montolivo: tutti gli aficionados della panchina in Serie A

Juve, quanti ti costano i 191 minuti di Ronaldo in panca

cancellareCon la Serie A che volge al termine è già tempo di bilanci, sia per le società che devono far tornare i propri conti, che dei giocatori. La prossima estate sarà quella di importanti valutazioni per molti di loro, che hanno passato quest’ultima annata principalmente dalla panchina, ammirando gli altri giocare e attendendo invano una buona occasione per mettersi in gioco. Ce ne sono di ogni genere, tra sconosciuti pagati a caro prezzo la scorsa estate e che hanno visto il rettangolo di gioco col binocolo, ad ex grandi protagonisti del nostro calcio che hanno preferito il lauto ingaggio percepito e sottoscritto anni fa a costo di fare la polvere sulla sedia, piuttosto che migrare altrove e veder sgonfiarsi il proprio portafoglio.

In cima alla lista dei panchinari più costosi della Serie A vi è un certo Bremer, difensore brasiliano pagato ben 6 milioni di euro dal Torino la scorsa estate e prelevato dall’Atletico Mineiro: Mazzarri gli ha riservato la bellezza di 11 minuti in stagione. Sul podio dei giocatori che hanno trascorso più tempo in panchina nel corso di questa stagione troviamo due illustri rappresentanti ed ex Nazionali del calcio italiano: Andrea Ranocchia e Andrea Bertolacci. Per ambedue qualcosa come 1 giorno, 18 ore e 30 minuti fuori, circa due ore in meno per l’ex Genoa. Se il nerazzurro ha trovato sporadicamente spazio nelle tre competizioni, paradossalmente più da bomber improvvisato di scorta che nel suo ruolo di difensore centrale, per il rossonero invece il campo è stato davvero un miraggio.

Ciò nonostante, tutte le possibili alternative del mercato di gennaio sono state rispedite al mittente. Discorso analogo per Montolivo: l’ex capitano rossonero ha giusto qualche minuto in più del collega di reparto, ma solo per i numerosi infortuni che colpirono la squadra di Gattuso fra dicembre e gennaio. Poi ci sono i vari Ferrari della Samp, giunto con clamore in estate nel reparto centrale di difesa ma quasi mai impiegato da Gianpaolo, il veterano Brighi all’Empoli ignorato da Andreazzoli prima e da Iachini poi, fino ad arrivare al giovane Pessina della magica Atalanta di Gasperini.
Poi ci sono coloro i quali hanno drasticamente diminuito il tempo in panchina dall’anno scorso a quello seguente: è il caso di Andersen, roccia difensiva della Samp che ha passato in panchina l’81% del tempo in meno da una stagione all’altra, il 56.3% in meno Milenkovic così come Bentacur alla Juve è calato del 51% nel tempo passato in panchina.

Infine c’è chi invece si è abbonato a star fuori rispetto a un anno fa: tra i casi più eclatanti troviamo ad esempio quello di Miranda, per lui il 56% e oltre in più in panchina rispetto a 1 anno fa, o Candreva, addirittura oltre il 58%. Domina la speciale graduatoria Viviani, il cui tempo ai box è arrivato a superare l’81%, alto anche quello di Donsah gioiellino del Bologna ma col 57.7% di tempo in più trascorso fuori.

E poi c’è lui, Cristiano Ronaldo: ben 191 minuti in panchina che, visti i 30 milioni annui percepiti, devono esser stati un bello spreco per il Presidente Agnelli…

Condividi questo articolo!

[wpca_cookie_allow_code level="4"]
[/wpca_cookie_allow_code]
di on 30 aprile 2019. Filed under Attualità. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *