Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Il pifferaio

PifferaioPerché mai una fiaba così lontana nel tempo, era il 1300 anche in Bassa Sassonia, trascritta molto avanti dai fratelli Grimm, messa in poesia da Goethe, metafora di situazioni politiche singolari, anima di canzoni degli Abba o dei Led Zeppelin anche loro ispirati dal Pifferaio di Hamelin; ecco perché mai quella leggenda rimbalza da centinaia di anni nelle nostre menti anche come semplice fiaba a lieto improbabile fine. Un omino con un piffero magico risolve il problema di una cittadina infestata dai topi per una ricompensa che gli sarà negata ed a questa falsa promessa reagirà vendicandosi pare in modo crudele. Ed ancora ma perché ci balza in mente questa leggenda? Gli ingredienti del disagio di tante persone che rischiano malattie e morte, la promessa all’omino che risolve il problema ridando speranza e gioia e poi la mancata ricompensa che porta magicamente al disastro. Certo un simbolismo lo troviamo in quelle promesse o offerte che ci vengono proposte, offerte suadenti per i tantissimi ormai che non dispongono della capacità di resistere a vantaggi impossibili e l’inganno è li ad un passo ma non sappiamo vederlo. Menti offuscate che ci trascinano in trappole facendoci convincere ed appassionare da ciò che ci porta ad immaginare grande ed utile quel che non è,da promesse allettanti che non possono essere mantenute.

Questa è una leggenda che finisce male  però a pensarci con calma potrebbe essere ,pur dopo 700 anni, uno spiffero illuminante a ragionamenti senza emozione per tutti noi che questo tempo e questo mondo viviamo.

Condividi questo articolo!

[wpca_cookie_allow_code level="4"]
[/wpca_cookie_allow_code]
di on 28 marzo 2019. Filed under Mimmo's version. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *