Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Quelle follie islamofile made in Uk

La vicenda di Sarah Champion, volto emergente del partito laburista inglese, costretta alle dimissioni dopo aver pubblicato un articolo, il 10 agosto scorso, sul tabloid popolare “Sun”, non è stata quasi registrata dalla stampa e dagli organi di informazioni italiani (tranne poche eccezioni, ad esempio quella di Lorenza Formicola su “formiche.net”). Essa è però altamente significativa sotto molteplici aspetti. Da una parte, la vicenda mostra la forza che continua ad avere il “politicamente corretto” nella società e nella politica inglesi; dall’altra, evidenzia come di questa mentalità non se ne sia affrancato nemmeno il partito di Corbyn, che pur si vorrebbe più attento alle tradizionali questioni sociali, nell’ottica che fu propria dell’ Old Labour, che non ai mitologemi connessi ad un modo di pensare maturato e inizialmente sviluppatosi nei circoli radical chic della sinistra borghese e intellettuale.

Più radicalmente, la vicenda è significativa di una delle più evidenti contraddizioni interne che emergono da una mentalità portata a ragionare per gruppi e non per individui: la lotta che è sempre latente, e che a un certo punto esplode, fra le “minoranze” protette. Mettendo semplicemente capo alla presa d’atto che ci sono “minoranze” più “minoranze”, o “più uguali” (per usare l’espressione orwelliana), delle altre. Ciò che segnala la contraddizione, nella logica stessa del discorso, è la necessità, ad un certo punto, di “relativizzare” ciò che pure si era (presup)posto come assoluto:  che le donne, o i neri, o gli immigrati, o tutti coloro che appartengono a “culture altre” rispetto a quella nostra occidentale, cioè a una “minoranza” riconosciuta come tale (forse semplicemente perché oerganizzata), sono sempre e comunque in condizione di debolezza e svantaggio. A prescindere, cioè indipendentemente dai casi particolari (che, come sa chi è aduso al pensiero dialettico, contemplano sempre mille diverse e sfaccettate relazioni di potere). È proprio questo gap mentale e logico che qui ci interessa mettere a tema perché esso, con la perentorietà con cui si afferma, fa crollare le fondamenta stesse su cui tutto l’edificio del “politicamente corretto” è stato negli anni costruito.

La Champion, nel governo ombra messo su da Corbyn, aveva la responsabilità della questione femminile e delle “pari opportunità”. Cosa più coerente, dalla sua prospettiva, che prendere posizione contro i reiterati e ormai iperdocumentati episodi di molestie sessuali (e a volte persino stupri) verso le donne bianche, in alcuni casi persino bambine, compiute negli anni passati in Gran Bretagna da gang giovanili di immigrati arabi di fede musulmana? Molestie che oggi si scopre, sono state quasi sempre tenuti nascoste dalle autorità e dalla stampa, o addirittura non denunciate, per non urtare la sensibilità dei musulmani e per non incappare nello stigma sociale che ha chi è accusato di razzismo e “islamofobia” da parte del pensiero dominante. Un’accusa che in casi del genere scatta quasi automatica. Automatismo che, per altri versi, si ripresenta allorquando, anche di fronte a episodi del tutto innocenti o quanto meno controversi, non si esita ad apostrofare certi comportamenti maschili nei confronti delle donne come “sessisti” o “maschilisti”. Senonché, il caso della Champion mostra come fra sessismo e islamofobia, sia attualmente la seconda l’accusa più infamante agli occhi della correctness trionfante. Tanto da costare appunto il posto a chi come l’esponente laburista aveva di fatto individuato un alto indice di “sessismo” fra gli islamici, riconducendolo, implicitamente, come non può non ammettere chiunque non sia in malafede o accecato dall’ideologia, a una cultura atavica di origine religiosa che sistematicamente subordina la donna al maschio. Proprio secondo quei parametri che a ragione il femminismo storico ha in passato fatti propri, e che con molta ipocrisia ed esagerazione continua a fare propri oggi per combattere alacremente le sacche di “discriminazione”, vera o il più delle volte presunte, presenti della nostra società occidentale. Un evidente doppiopesismo, che dà o toglie responsabilità agli individui a seconda del gruppo sociale di appartenenza.

D’altronde il caso di Sarah Champion è l’ultimo di una lunga serie. Negli anni passati, ovviamente con meno clamore mediatico, molti cittadini britannici  erano stati oggetto infatti di azioni disciplinari nei luoghi in cui lavoravano, o mandati a corsi accelerati di “relazioni interraziali”, dopo aver accusato dei misfatti le gang islamiche.

Ciò che risulta confermato è che, se noi liberali vogliamo dare un senso alle accuse di impotenza o inefficacia che rivolgiamo ogni giorno alle autorità occidentali, è in primo luogo alle strutture di pensiero che si sono affermate in questi anni che dobbiamo guardare.

Condividi questo articolo!

di on 22 agosto 2017. Filed under Editoriale. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

3 commenti a Quelle follie islamofile made in Uk

  1. maboba Rispondi

    22 agosto 2017 at 09:28

    Articolo da sottoscrivere in pieno.
    In maniera assai meno raffinata dell’autore vorrei aggiungere alle strutture di pensiero anche il fiume carsico di petrodollari che a parer mio hanno dissetato intere università del regno e con esse “intellettuali” e molti burocrati e politici non solo del RU, ma anche della UE. O vogliamo credere che Qatar e i Saud abbiano finanziato solo squadre di calcio e comprato palazzi? Come spiegare altrimenti tutto questo e anche le pazzoidi prese di posizione anti israeliane delle stesse prestigiose università molto al di là di una razionale critica a errori compiuti? Prese di posizioni mai neppure sfiorate contro la stessa Arabia, il Pakistan e l’Iran. Sono infatti notoriamente regimi progressisti e ultra liberali!

    • Dario Nordista Rispondi

      23 agosto 2017 at 15:12

      Ottimo punto, Maboba

  2. Luca Rispondi

    23 agosto 2017 at 21:32

    Si tratta di laburisti sani di mente ,razionali e si grande sintesi politica…..non si tratta di quttro sinistrorsi al bar,loro non sbagliano e cacciano gli infedeli alla linea tanto quanto i tagliatori di teste. Ma poi a questa giovane e schietta laburista cosa è venuto in mente di denunciare gente ferma a cinquecento anni fa che pensa che ” quando il mare è in tempesta ogni buco è salvezza”….. non ha capito che queste bestie sono con il loro voto la continuità e la salvezza di questi laburisti.Ma adesso diventa conservatrice?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *