Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Dite a Bergoglio che non siamo nello Stato della Chiesa

Proprio nel momento in cui sale la tensione tra i partiti per la legge sullo ius soli, Papa Francesco irrompe nel dibattito in corso mirando a condizionarne l'esito, a favore dell'apertura indiscriminata delle frontiere. Un'inaccettabile interferenza politica rispetto a uno Stato laico e sovrano

bergoglioDobbiamo prendere atto che questo Papa non ama né gli italiani né la cristianità. Nel momento in cui gli italiani registrano un tracollo demografico e un crescente impoverimento della popolazione, anziché prodigarsi per la promozione della cultura della vita e della rigenerazione della vita aiutando le famiglie italiane, le madri italiane e i giovani italiani, è intervenuto nuovamente a favore dell’apertura incondizionata delle nostre frontiere per incrementare l’auto-invasione di giovani africani, asiatici e mediorientali che sono prevalentemente musulmani, che si tradurrà nell’auto-sostituzione etnica degli italiani e nella fine della nostra civiltà laica e liberale dalle radici ebraico-cristiane, greco-romane, umanistico-illuministe, trasformandoci in una popolazione meticcia e islamica. 

Proprio nel momento in cui le forze politiche sono fortemente in contrasto sulla legge dello ius soli, che attribuirebbe la cittadinanza italiana a chiunque nasca in Italia, Papa Francesco ha pesantemente preso posizione a favore dello ius soli anticipando di ben cinque mesi il Messaggio che verrà ufficializzato il 14 gennaio 2018 in occasione della “Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato“. Per i giovani africani, asiatici e mediorientali che entrano in Italia tutti senza documenti e in parte senza essere identificati, Papa Francesco chiede di tutto e di più: lo ius soli, ossia la cittadinanza italiana al momento della nascita; lo ius culturae, il diritto a completare l’istruzione primaria e secondaria in Italia; la concessione di visti umanitari, visti temporanei speciali e il diritto al ricongiungimento familiare per accogliere tutti, proprio tutti quelli che vogliono entrare in Italia, a prescindere dal fatto se fuggano o meno dalla guerra.

Ebbene proprio perché si tratta manifestamente di un intervento politico, che irrompe nel dibattito politico in corso tra i partiti italiani mirando a condizionarne l’esito, io denuncio l’inaccettabile interferenza politica di Papa Francesco negli affari interni dell’Italia che, almeno formalmente, è uno Stato indipendente e sovrano.

Condividi questo articolo!

di on 22 agosto 2017. Filed under Attualità. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

16 commenti a Dite a Bergoglio che non siamo nello Stato della Chiesa

  1. maboba Rispondi

    22 agosto 2017 at 09:56

    Questo papa ormai è solo una lontana parvenza di quell’autorità morale e spirituale cui i cattolici sono soliti affidarsi. Non essendo più tale mi posso permettere di essere ancora più pesante dell’ottimo Magdi.
    Considero questo “soggetto” un vero pericolo, in primis per l’Italia, cui non vada riconosciuta alcun prestigio né religioso, né genericamente morale. E’ solo un mestatore politico senza alcuna decenza. Ricordo quando appena eletto andò a Lampedusa a dire “venite! venite!” (in realtà disse “andate, andate in Italia!” visto che lui è capo di un altro paese che non ha poi accolto nessuno!). Sapeva di avere di fronte una classe politica allora al governo ansiosa solo di far soldi coll’affare migranti (Buzzi docet) senza alcuna preoccupazione per le conseguenze. Andò a Lampedusa, territorio italiano senza alcuna barriera a gridare “vergogna!”. L’unico a essere senza vergogna è invece proprio lui. Perché non andò, lui che sproloquia a vanvera sui muri, a Ceuta e Melilla dove il “compagno” Zapatero aveva eretto da anni barriere alte sei metri? perché sapeva che il governo spagnolo, che bontà loro ha una ben diversa dignità dal nostro, lo avrebbe preso a calci in culo (scusate!). Un bel codardo, o meglio un bel paraculo, che si ammanta abusivamente di un titolo, quello di rappresentante e continuatore di uno che dimostrò ben altro coraggio. Voglio rammentare che di fronte a un eventuale accordo fra Putin e Trump invece di gioire per qualcosa che era ed è ancora nell’interesse di ogni persona sensata e della stessa umanità se ne uscì tutto preoccupato con la scusa che c’era pericolo per i migranti! E’ stata la conferma che è soltanto un capo politico senza alcuna autorità religiosa.
    Mi dispiace per il linguaggio colorito, ma bisogna ormai evitare ogni ipocrisia e falsa correttezza di fronte all’operato sciagurato di quello che è un vero nemico dell’Italia, dell’Europa, della sua ricchezza e delle sue libertà.

  2. ultima spiaggia Rispondi

    22 agosto 2017 at 10:34

    Quella di Bergoglio è un’ingerenza gravissima, da persona irresponsabile, forse rincoglionita, che ci riporta ai tempi più cupi della Chiesa, al potere temporale raggiunto da Innocenzo III con la teoria del Sole e della Luna.
    L’incalcolabile ricchezza dello Stato del Vaticano è una vergognosa e scandalosa contraddizione con i principi della cristianità, e Bergoglio, che di San Francesco ha copiato solo il nome, si permette di giudicare gli altri?

  3. Luca Rispondi

    22 agosto 2017 at 10:44

    Grande e coraggioso Magdi vedrà che adesso il Bergoglio applicherà accoglienza e ius soli in vaticano ed in tutte le chiese o apparati che gestisce con un potere ed un’area di pressione da spettacolo.Vedra che oltre a queste battutatacce generera’ azioni da meraviglia che magari sembreranno in alea di cristainita’…. per ovvio non di cattolicesimo.Vedra’ ma non si chieda quando.

  4. Giacomo Rispondi

    22 agosto 2017 at 11:42

    che sia un povero scemo non ce dubbio

  5. Marco Green Rispondi

    22 agosto 2017 at 14:00

    Una delle espressioni che mi stupiscono di questo personaggio da osteria elevato a Papa dal marketing vaticano è quando, riferendosi ad attentati come quello di Barcellona, parla di “una violenza in-sen-sa-ta”, con l’aggiunta, a volte di “di-su-ma-na”.
    C’è quindi un livello di violenza accettabile, che “ha senso”, secondo Papa Bergoglio…(?)

  6. Antonio Bettanini Rispondi

    22 agosto 2017 at 17:54

    Il sig. Magdi Allam e tutti i lettori che hanno commentato le parole del Papa hanno ragione.
    Tuttavia continuo a pormi una domanda: qui prodest ?
    Mi sembra evidente che se le prediche del Papa fossero attuate l’Italia si troverebbe in un caos sociale spaventoso: colture diversissime in conflitto, religioni in feroce competizione e, nel migliore dei casi, da parte dei “migranti” angosciosa e disperata ricerca di lavoro che nel nostro Paese non c’è. Evidentemente mi astengo dal descrivere un quadro sociale ancora più tragico ma possibile.
    Qui proderst ?

    • maboba Rispondi

      23 agosto 2017 at 08:53

      Mi perdoni: cui non qui

    • ultima spiaggia Rispondi

      23 agosto 2017 at 12:20

      Cui prodest? A nessuno! Un cretino non ragiona, è pericoloso per sé e per gli altri, le sue azioni possono essere devastanti.
      Nel 2015, i ricercatori della John Hopkins Medical School e dell’Università del Nebraska hanno scoperto il virus della “stupidità umana”, battezzato ATCV-1. Si ritiene che attacchi il DNA umano causando la compromissione dell’attività cerebrale, dell’apprendimento e della memoria.
      https://lamedicinainunoscatto.it/2015/04/scoperto-virus-stupidita-umana/
      Purtroppo siamo governati da gente mentalmente disturbata. L’Unione Europea è stata fondata sul virus ATCV-1

    • aquilone Rispondi

      23 agosto 2017 at 16:08

      Condivido appieno, Antonio, tranne una cosa, quando lei scrive “…da parte dei “migranti” angosciosa e disperata ricerca di lavoro che nel nostro Paese non c’è”.
      Io penso invece che lavoro per i migranti, ovviamente in nero e sottopagato, ce ne sarebbe a iosa. E’ questa è una delle ragioni (ce ne sono anche altre) per le quali si continua a farli arrivare. Fra qualche tempo loro un lavoro l’avrano (nero o sottopagato) noi no

    • gian luigi lombardi-cerri Rispondi

      25 agosto 2017 at 06:27

      Prodest a tanti!Prodest all’abbronzato, Prodest ai Clinton,Prodest a gentaglia come Soros, Prodest ad un dominio mondiale dei massoni, senza opposizioni, ecc, ecc, ecc A questo scopo hanno, per via bancaria costretto Ratzinger a dimettersi ed hanno collocato al suo posto un povero pampero stranito che dei gesuiti del vecchio stampo, non è neanche l’ombra.

  7. aquilone Rispondi

    22 agosto 2017 at 17:59

    Spero presto che il diavolo se lo porti via!

  8. adriano Rispondi

    23 agosto 2017 at 10:11

    Il problema non è il papa.E’ chi lo vota.

  9. Pier Luigi Ditta Rispondi

    23 agosto 2017 at 12:15

    ma non si potrebbe immaginare una bella manifestazione in Piazza San Pietro ???

  10. Unno Rispondi

    23 agosto 2017 at 23:10

    Quello che lascia perplesso è il risalto che i media italiani danno a tali dichiarazioni del Papa. In Danimarca, Olanda, USA, Australia…..in qualsiasi altro paese dichiarazioni simili non vengono neanche citate dai media eppure in Italia sembra che le dichiarazioni del Papa siano quelle di un co-governate. Ma che Paese è questo ?? L’Iran ?

  11. wolfgang Rispondi

    24 agosto 2017 at 16:48

    24.8.17

    Non carissimi sorelle e fratelli christiani (!!!)

    tanto e incandiscente ODIO contro uno dal Santo Spirito eletto papa

    ( l` operato del santo spirito e`per giunto fermo insegnamento e`

    dottrina della chiesa !!!) mi lascia senza parole!!quella gente

    odiosa copre papa Francesco di malissima,puzzolentissima me….

    ritenendosi christiani!! ci ridono ipolli!. Vergognatevi, in-

    formatevi L`Evangelo e teologia alla mano! Conoscerete la

    v. cecita´. Dove abita l`amore e la bonta`, abita IL SIGNORE!

    saluti da monaca di bav. wolfgang

  12. Sergio Andreani Rispondi

    26 agosto 2017 at 06:43

    Bergoglio non è un Papa.

    E’una sega fritta.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *