Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Povera vecchia Italia

Il nostro Paese, oltre ad essere “vecchio” è anche estremamente povero. Dai dati diffusi dall’Inps, emerge che gran parte delle pensioni italiane è inferiore ai 750 euro mensili. Nel 2016 le pensioni sono aumentate di oltre un milione di unità, per un totale di 18 milioni. L’ammontare del capitale pensionistico, al primo gennaio 2017, era di oltre 197,4 miliardi di euro, gestito per la maggior parte dai fondi di previdenza. L’età media dei pensionati è molto alta e varia tra uomo e donna dai 4 ai 6 anni. Per le donne si parla di 75,7 anni, mentre l’età degli uomini è di poco superiore ai 70 anni. I pensionati italiani, appartengono, per la maggior parte, alle classi sociali più basse, che percepiscono una somma mensile di denaro inferiore a 750 euro. Per l’esattezza il 63,1% di somme corrisposte sono inferiori questa cifra.

PensioniLe percentuali aumentano se si fa riferimento al mondo femminile: 76,5 %. Sebbene l’Inps assicura che l’indicatore della povertà sia parziale perché molte persone hanno altre fonti di reddito o hanno diritto a più prestazioni, i dati sono sconcertanti e fanno davvero riflettere. La maggiore concentrazioni di fondi pensionistici legati alla vecchiaia e superstiti è al Nord, con una percentuale quantificabile attorno al 48%. Per quanto riguarda il Meridione e le Isole, le categorie pensionistiche più frequenti sono quelle dell’invalidità previdenziale e delle prestazioni assistenziali. Solo il 2.2 % degli assegni pensionistici, viene erogato a residenti in altri stati.

Condividi questo articolo!

di on 3 aprile 2017. Filed under Economia. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

4 commenti a Povera vecchia Italia

  1. Luca Beltrame Rispondi

    3 aprile 2017 at 18:13

    > emerge che gran parte delle pensioni italiane è inferiore ai 750 euro mensili.

    E quanti di questi hanno versato il quantitativo di contributi richiesti? Io penso non tutti, e quindi questa è una doppia tragedia, sia per chi ha una pensione bassa, ma sia anche per tutti gli altri, che devono pagare la differenza.

  2. Padano Rispondi

    4 aprile 2017 at 10:25

    750 € fanno 1.452.203 lire mensili: scommetto che coloro che percepiscono questa pensione durante la loro vita hanno percepito stipendi inferiori.
    Il problema delle pensioni povere è che da stipendi poveri non potevano che venir versati contributi poveri.

    • ultima spiaggia Rispondi

      5 aprile 2017 at 12:36

      “I vitalizi dei parlamentari sono quasi il doppio di quanto sarebbe giustificato alla luce dei contributi versati”. Lo ha detto Tito Boeri.
      Quindi, per equità, la “legge” dovrebbe valere per tutti. O no?
      Non dimentichiamo che:
      – i parlamentari italiani sono i più pagati in Europa, con un 60% in più rispetto alle media Ue;
      – un deputato matura la pensione dopo 30 mesi di legislatura, mentre a un comune mortale occorrono 40 e più anni di contributi;
      – il vitalizio del parlamentare è una rendita concessa al termine del mandato parlamentare che si protrae “vita natural durante”. In alcuni ordinamenti (Italia) esso è previsto anche per chi è stato titolare di un mandato rappresentativo nell’ambito di assemblee non statali;
      – i vitalizi dei parlamentari, ovvero la rendita concessa a deputati e senatori al termine del mandato parlamentare, è circa il doppio di quanto hanno versato. Una cuccagna che passa di generazione in generazione, a mogli, mariti, figli e fratelli, che per decenni vivono con l’assegno dello scomparso. Una rendita che nasce da una contribuzione minima, da una sola legislatura o addirittura da un solo giorno in Parlamento. C’è perfino chi, avendo trascorso ventiquattr’ore alla Camera nel febbraio del 1982, ha ricevuto la pensione a vita.

      Vogliamo continuare?

  3. sergio Rispondi

    4 aprile 2017 at 13:19

    ( comunque ci sono sempre di confortanti notiziole
    che fanno bene al cuore ) → https://twitter.com/LNVeneta2punto0/status/848981289424343040

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *