Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Mercati valutari: quando Cina e Giappone dettano il trend monetario

mercatiIl mercato valutario nel mese di Marzo e con questo avvio di Aprile ci ha mostrato quali sono i driver da seguire e su quale cambio conviene investire per quanto riguarda il forex. In particolare un occhio di riguardo e di attenzione per il mercato asiatico con spunto molto validi per yen e yuan. Per il mercato forex sappiamo bene che un guadagno si può ottenere con ogni tipo di cambio e di trend economico. Detto questo, la fase rialzista delle monete asiatiche, e in particolare di una moneta come lo yuan, preoccupa in un certo qual modo analisti, esperti e investitori occidentali. Una delle ragioni principali è dovuta alla debolezza del dollaro statunitense, che verso una moneta come quella cinese denota come sia un momento di grande chiusura e di congiunzione economica che ormai non si verifica da un po’ di tempo. A ogni momento però ne consegue una buona opportunità di business per quanto riguarda il mercato valutario del forex online. Ora, sappiamo bene che non è il momento ideale per la sterlina britannica, che deve fare i conti non solo con l’Hard Brexit, ma con una serie di causa che stanno penalizzando il valore reale di questa moneta. D’altro canto nemmeno per gli Stati Uniti è un momento semplicissimo. Dopo un avvio piuttosto positivo, il mandato di Donald Trump come presidente eletto, sta sicuramente imbarcando pochi consensi e grandi perplessità. Per il momento gli investitori hanno reagito bene, ma cosa accadrà dopo le ultime dichiarazioni della FOMC e della Federal Reserve. Anche in Europa infine i tempi sono piuttosto complicati. Andiamo a vedere cosa sta accadendo per il cambio euro-dollaro. Dopo una settimana di cross, molto positiva, oggi registriamo un dato che è sempre più vicino a uno stagnante 1.06. Pensare che abbiamo attraversato nel giro di qualche giorno un momento in cui il cambio era a 1.08 con punte che tendevano quasi a 1.09.

Il momento però è sfumato e adesso bisogna riprendere da dove abbiamo lasciato. Continuano anche i problemi per quanto riguarda la recessione del dollaro australiano, dove nessuno ne parla ma si sta consumando una crisi economica basata sul momento difficile delle materie prime. In questo tipo di scenario, ne escono alla grande monete come yen e yuan, non certo una situazione facile, quella che vede i mercati asiatici in ripresa e in fase totalmente rialzista. Bisogna però avere un piano di azione su quello che bisogna intravedere a partire dalle prossime settimane. Pensiamo che il dollaro statunitense nel giro di qualche giorno tornerà in fase rialzista. Bisogna quindi puntare su questo aspetto. I mercati valutari offrono quotidianamente buone occasioni per fare investimenti e per speculare sul valore volatile delle valute. Il momento è quindi ottimale per rischiare qualcosa con sterlina inglese e dollaro statunitense in fase davvero ribassista e modesta. Da questo imbuto si uscirà nel giro di qualche settimana, ne siamo certi. Per il momento quello che bisogna fare e continuare a seguire al meglio il trend del mercato valutario nel suo insieme.

Condividi questo articolo!

[wpca_cookie_allow_code level="4"]
[/wpca_cookie_allow_code]
di on 28 marzo 2017. Filed under Economia. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *