Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Essere Stato, non padrone delle vite dei cittadini

1957 l’anno in cui la stragrande Maggie Thatcher intervenendo in una conferenza di partito e parlando di diritti disse della libertà possibile e dovuta “…si tratta del diritto di un uomo di lavorare quanto desidera, di spendere quanto guadagna se vuole, di possedere proprietà, di avere uno Stato che sia al suo servizio è mai il suo padrone. Questa è l’essenza dell’economia libera. E da questa libertà tutte le altre dipendono…”. Parole diffuse quarant’anni fa da sicura intelligenza e decisa leadership a noi non ritrovabile oggi nel nostro mondo politico ormai reso quasi regime, un luogo dove il lavoro scarseggia insieme alla ricerca ed alla riconversione industriale, dove il sindacalismo è autoreferenziale e nulla può contro un mercato del cambia e richiede professioni e mestieri cui non siamo e nessuno ci ha preparati.

thatcherUn luogo dove la nostra libertà di fare è condizionata da infelici burocrati nostrani costruiti e voluti in impieghi statali spersonalizzanti,dannosi per le aziende e quindi per i lavoratori, accompagnati da altri burocrati europei che nulla sanno di aziende, come quelli nazionali peraltro. Luogo infelice per una proprietà vessata,distrutta insieme ad un fiorente mercato immobiliare di un tempo con il licenziamento di valanghe di lavoratori,trasformando proprietà anche piccole,sicurezza propria o dei propri figli, in una disgrazia. Ed infine uno Stato nemico di chi voglia intraprendere attività per il proprio sostentamento con un gravame tassaiolo unico al mondo. Chissà come la prenderebbe oggi Maggie e cosa ci racconterebbe lei che contro tutti distrusse una politica economica che aveva portato al quasi default il suo paese e ne ricostruì, pur con sofferenze per tutti importanti,uno pieno di ricchezza e libertà oggi d’esempio al mondo.

Condividi questo articolo!

di on 21 febbraio 2017. Filed under Mimmo's version. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Un commento a Essere Stato, non padrone delle vite dei cittadini

  1. sergio Rispondi

    12 marzo 2017 at 11:21

    Segni premonitori di un evento imminente → https://youtu.be/RZhKqgLhZJM

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *