Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Cercasi partitocrazia

Camera dei Deputati - Seduta inaugurale XVII legislaturaUn ventennio dalla scomparsa dei partiti è stato sufficiente a scardinare la preparazione che colui che si predispone al governo delle vite d’ altri dovrebbe possedere alimentandola nel quotidiano. Vent’anni sembrano pochi ma hanno distrutto ,da mani pulite in poi ,quell’apparato parlamentare fatto da chi sapeva bene cosa fosse stato cadere nel disastro nazista o comunista e di quanto importante fosse relazionarsi con i corpi intermedi per non arrivare a condizioni di autoritarismo o finire nella gestione indiretta di mondi corporativi che si dicono portatori di democrazia e della sua difesa e sono altro. La mediocrità nasce dal fatto che la politica non può essere solo ascoltata o letta su un libro pur affascinante o con la memorizzazione di leggi e regolamenti. La pratica non può essere raccontata ma va acquisita ogni giorno magari in ruoli di subordine con passaggi di umile apprendistato sotto la guida di insegnati politici esperti ,gente preparata da cui imparare gli atti più semplici come la generazione di un atto amministrativo in un piccolo consiglio comunale alla formulazione di proposte di legge quando si è cresciuti un po’. La tecnica fine a se stessa non basta,non ti concede l’intuizione,l’anticipazione degli intendimenti di altri competitor politici, quella sorta di sintesi da esperienza e storia acquisita nel tempo dell’apprendimento ,che per un politico non finisce mai.Quel fiuto che ti fa capire quando il tecnicismo legislativo ti sta portando fuori e stai sbagliando,quella cosa che ti porta a generare atti politici utili e vitali per gli amministrati. Si la conoscenza di tecnicismi non basta,forse in un razionalismo spinto si potrebbe argomentare che la ragione ha in se la padronanza della tecnica… in politica no,la tecnica da sola non dà agio a creatività politica e per ovvio il senso di un futuro a dieci o venti anni di distanza ….ecco perché la mediocrità politica ci prevarica e ci distrugge,ecco perché viviamo alla giornata privandoci della speranza di futuro,ecco perché pensiamo ad altri paesi per i nostri figli e per noi in età non più giovanile.L’aver tradito la nostra vecchia tradizione politica non è servito a nessuno,neanche a coloro che da anni scaldano poltrone alzando la manina a comando ma risentono forte il fascino di essere chiamati onorevoli.

Condividi questo articolo!

[wpca_cookie_allow_code level="4"]
[/wpca_cookie_allow_code]
di on 25 gennaio 2017. Filed under Mimmo's version. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *