Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Perché “Sully” è un film trumpiano

Libero individuo contro sistema ottuso, intuizione contro regola, spontaneismo libertario contro controllo burocratico. Ancora una volta Clint scommette su un' "altra America", ed è la stessa scommessa del prossimo inquilino della Casa Bianca...

IMG_0399Certo che è un film trumpiano, questo Sully di Clint Eastwood, e il fatto che nessun giornale ve l’abbia detto è la perfetta controprova. Ovviamente, ammesso che l’opera di un autore asciuttamente metafisico come Clint sia mai stata politicizzabile (Callaghan come icona e sintesi del reaganismo e via dicendo), ha smesso di esserlo da un pezzo, almeno da quando con Gli Spietati ha liquidato qualunque soggezione a qualunque tradizone cinematografica e non. D’altro canto, è stato pure il primo a cogliere l’essenza del trumpismo prima ancora che iniziasse il regno Obama, anno del Signore 2008, con Gran Torino. Chiunque l’abbia visto veramente, ovvero mettendosi veramente dal punto di vista di Clint/Kowalski che disprezza i figli perché non comprano auto americane e si chiede incessantemente chi gli abbia rubato il suo Paese, non ha potuto sorprendersi del trionfo di The Donald, a differenza dei nostrani inviati dalla loro terrazza dell’Upper East Side. E ora c’è questo Sully. Questo Sully è un film tutto trumpiano nei contenuti, per quanto la forma parli di tutt’altro, precisamente del famoso “miracolo sull’Hudson”. Quando il pilota di linea Chesley Sullenberger salvò i suoi 155 passeggeri con un ammaraggio nel grande fiume grottesco anche da solo da pensare, dopo aver perso entrambi i motori appena decollato da New York.

Un eroe nazionale, Sully? Certo, da subito, per le persone salvate e il popolo americano spettatore, spesso infallibile nel suo sentimento morale elementare, innato. Niente affatto per i suoi capi, niente affatto per la National Transportation Safety Board (NTSB), una delle tante megaburocrazie federali contro cui un certo Donald Trump ha impostato buona parte della sua campagna e della sua diversità politica originaria, che non solo non propone il pilota per una medaglia al valore civile, ma lo mette sotto inchiesta, lo torchia e in alcuni frangenti lo perseguita esplicitamente, perché nella sua manovra non avrebbe rispettato le procedure. Certo, insiste Sully, non ho rispettato le procedure e sono fiero di averlo fatto, perché la differenza la fanno gli individui, perché quando il dramma incombe qui e ora interpella la nostra libertà, la nostra libertà singola e spuria e soffocante, e noi dobbiamo autodeterminarci al meglio. Nessuno dovrebbe saperlo meglio di noi, perché siamo un Paese costruito su questo, sulla roccia della libertà individuale come garanzia delle libertà collettive. Niente, il burocrate ghigna e il funzionario prende appunti, obbligano il povero Sully a maratone di simulazioni in cui altri piloti comodamente stravaccati davanti a un monitor dimostrano che col carburante residuo e la velocità media e la radice quadrata del tempo di caduta e altre vuotaggini da scribacchini, c’era il tempo per rientrare all’aeroporto La Guardia. Sully e il suo secondo non ci credono, vagano in notti insonni e schizofreniche, dove vengono esaltati come eroi nei bar mentre la Commissione li tratta da mezzi criminali, ma troveranno la forza di far saltare il sistema da dentro, con la leva della libertà individuale.usa

È stata anzitutto una grande intuizione libertaria, quella di atterrare nell’Hudson, trentacinque secondi in cui Sully scarta mentalmente l’ovvio, perché l’ovvio spesso è impraticabile, e spariglia, s’inventa una via d’uscita là dove non c’era, si aggrappa ostinatamente alla propria libertà d’improvvisare e di non sottostare al ricatto della realtà, l’aereo inesorabilmente avviato allo sfracello, e così salva altre centocinquantacinque libertà. Un eroismo singolo che genera una catena di eroismi singoli, i sommozzatori, i pompieri, i poliziotti cittadini, la “New York migliore” scrive smaccatamente Clint nei titoli di coda, che con tutta evidenza non è quella di avvocaticchi e impiegatucci molto obamiani, è un popolo di persone libere sempre pronte a rifare grande l’America all’occorrenza, soprattutto nella quotidianità, soprattutto in una gelida mattinata newyorkese di gennaio e di tran-tran civile. “Era molto tempo che New York non riceveva una così bella notizia, specie con di mezzo un aereo”, dice uno dei pochi capi lucidi a Sully e al secondo, ed è esattamente l’orgoglio americano che trova nella cronaca la forza per riprendersi la storia.

Libero individuo contro sistema acefalo, intuizione contro regola, eroismo spontaneo contro controllo burocratico, è un film tutto libertario, è una tappa del grande controcanto eastwoodiano all’America degli uffici federali in nome dell’America dei Padri Fondatori, il perseguimento della felicità prima ancora della lettera della legge, è dunque un film tutto trumpiano, perché Trump incarna esattamente la rivincita di questa America. Ricordate i suoi elettori, la notte della vittoria, dalla Florida al Michigan, dal Texas al Wisconsin? “Obama voleva fare dell’America un Paese socialista, ma noi non saremo mai un Paese socialista”. No, non è un Paese per commissioni, sindacati, notabili governativi, è anzitutto un Paese per Sully, per tutti i Sully, è anzitutto la terra dei liberi e la patria dei coraggiosi, come scolpisce l’inno nazionale, e come Clint ci racconta da trent’anni. È un film di speranza, Sully, e non solo perché la vicenda finì in miracolo, ma ben più profondamente perché scommette ancora sull’eccezione dell’America, il Paese dove l’autonomia creativa degli individui può esprimersi al massimo grado con ricadute salvifiche per tutti. Tra un mese, alla Casa Bianca s’insedierà qualcuno che ribadisce la stessa scommessa, e sarà davvero il modo migliore di iniziare l’anno. Intendo per gli uomini liberi, off course.

Condividi questo articolo!

[wpca_cookie_allow_code level="4"]
[/wpca_cookie_allow_code]
di on 28 dicembre 2016. Filed under Editoriale,Spettacoli. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

4 commenti a Perché “Sully” è un film trumpiano

  1. orsonero Rispondi

    26 dicembre 2016 at 15:00

    E’ un bellissimo film trumpiano anche
    perche’ l’eroe protagonista non
    e’ un nero emarginato,un omosessuale,
    un intellettuale alla moda,ma e’
    una persona normale con moglie e
    figli e mutuo da pagare.

  2. Luca Rispondi

    26 dicembre 2016 at 16:16

    Oltre al l’orgoglio americano vi fu anche talento e tanta esperienza .La preparazione continua ,assidua ,quella del continuo più nel quotidiano,quella che ti fa bravo,che da sicurezza,quella come di Sally che ti salva la vita e ti dà speranza di combattere ogni giorno o rinascere il giorno appresso la disgrazia.

  3. aurelio Rispondi

    26 dicembre 2016 at 19:11

    Bell’accostamento.magari impensabile per taluni,tra Trump e Sally. Siamo nel mondo del realismo con una forte carica ottimistica.Siamo di fronte a persone che modificano insuccessi o disavventure in successi .Ma da noi di questi se ne vedono pochi,anzi non mi pare vederne,di procacciatori di disgrazie politiche tanti,troppi.

  4. lombardi-cerri Rispondi

    27 dicembre 2016 at 06:22

    E’ la situazione che si ritrova in Italia quando, a puro esempio, un povero cittadino difendendosi da una aggressione in casa, viene incriminato perchè ” avrebbe dovuto valutare l’entità della reazione in funzione del momento , dello status economico degli aggressori e anche (penso io ) del grado di temperatura e di umidità dell’aria,”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *