Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

L’indice delle liberalizzazioni 2016

Nel 2016 il grado di liberalizzazione dell’economia italiana è pari a 70 punti su 100, lo stesso punteggio ottenuto dalla Germania. I Paesi più liberalizzati dell’Unione europea sono la Gran Bretagna (94 punti), la Spagna (80) e i Paesi Bassi (79). La classifica dei 28 Stati membri dell’Ue è chiusa da Grecia (54 punti), Cipro (54) e Croazia (55). Sono questi i risultati dell’Indice delle liberalizzazioni 2016, il rapporto annuale dell’Istituto Bruno Leoni sul grado di apertura di dieci settori dell’economia nell’Unione europea.

L’Indice delle liberalizzazioni, giunto alla sua decima edizione, prende in considerazione dieci settori dell’economia: distribuzione dei carburanti per autotrazione, mercato del gas, mercato del lavoro, mercato elettrico, servizi postali, telecomunicazioni, servizi audiovisivi, trasporti aerei, trasporti ferroviari e assicurazioni. Per ciascun settore, attraverso una griglia di indicatori e sottoindicatori, viene valutato il livello di liberalizzazione in ciascuna delle 28 economie europee. Al Paese più liberalizzato, in ogni ambito, viene assegnato convenzionalmente un punteggio pari a 100: di conseguenza il punteggio attribuito agli altri Paesi può essere interpretato come distanza dalla frontiera. Inoltre viene determinato un Indice di liberalizzazione dell’intera economia, per ogni Paese, come media tra i punteggi ottenuti nei singoli settori.

IblL’Italia, con un punteggio pari a 70, si colloca alla sesta posizione nella classifica dell’Istituto, in crescita rispetto all’anno precedente sia nello score (+3 punti) sia nel ranking (dalla dodicesima alla sesta posizione). Questo miglioramento di posizione deriva principalmente dal fatto che diversi Paesi hanno punteggi analoghi, e quindi scostamenti anche piccoli – in meglio o in peggio – possono determinare sensibili avanzamenti (o arretramenti) in classifica. Nel dettaglio, l’Italia ottiene buoni risultati nelle telecomunicazioni (94 punti su 100) e nel mercato elettrico (84 punti), mentre ha una valutazione ancora complessivamente negativa per quanto riguarda i carburanti (44 punti) e il trasporto ferroviario (52 punti).

Il testo integrale dell’Indice delle liberalizzazioni è disponibile qui.

Condividi questo articolo!

[wpca_cookie_allow_code level="4"]
[/wpca_cookie_allow_code]
di on 21 dicembre 2016. Filed under Economia. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

2 commenti a L’indice delle liberalizzazioni 2016

  1. recarlos79 Rispondi

    21 dicembre 2016 at 10:13

    Quando si accenna soltanto alla liberalizzazione degli ordini professionali (proposte in parte venute da sinistra) forza Italia ha sempre alzato un muro.

  2. Filippo83 Rispondi

    21 dicembre 2016 at 11:15

    Il mercato elettrico OK… Ma la generazione d’energia? L’ENEL gode ancora di un semi-monopolio, simile all’ENI nel petrolifero (carburanti), e poco minore di Trenitalia nelle ferrovie. Anzi, la commistione Trenitalia-RFI sarebbe da deferire subito all’anti-trust perfino in regime di monopolio statale…
    Insomma non festeggiamo l’essere il 6° paese in Europa, meglio di stati falliti o della ex Jugoslavia. La verità è che l’impronta social-democratica e dirigista è ancora forte in Europa, e che del tanto millantato “turboliberismo” non c’è traccia, salvo forse in UK.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *