Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Fedeli, Marra e la rogna in politica

fedeliPerché poi ci sono sempre maiali più uguali degli altri, più puliti anche se sporchi. E per passare da Orwell alla saggezza popolare: “Lì il quello messo meglio ha la rogna”. Quello su cui il sindaco di Roma puntava tutto è stato arrestato per corruzione, e per la “sussistenza di un concreto ed attuale pericolo di reitarazione di condotte delittuose analoghe a quelle già accertate e ciò anche in considerazione del ruolo attualmente svolto da Marra all’interno del comune, della indubbia fiducia di cui gode il sindaco Virginia Raggi”. Oltre al Raffaele, che avrebbe ricevuto una maxi tangente da 367 mila euro dall’immobiliarista Sergio Scarpellini, pure lui in cella, di inguaiato c’era pure il suo assessore all’Ambiente Paola Muraro che si è dimessa dopo essere stata raggiunta da un avviso di garanzia, nell’ambito dell’inchiesta sui rifiuti. Della Muraro si parlava da un po’ ma i grillini da giustizialisti si erano scoperti all’improvviso garantisti. Virginia Raggi comunque, dice, che va “avanti”. Perché, appunto, per alcuni funziona in un modo, per altri… E il popolo grillino sparso tra i contatti Facebook di chiunque per la prima volta è silente, nessuna condanna, manca “la piazza”, per dirla alla Dibba.

Nel frattempo Valeria Fedeli diventa ministro all’Istruzione e la storia la sintetizza Mario Adinolfi in virgolettati grondanti: ché oltre alla laurea non avrebbe neanche la maturità «ma solo i tre anni di magistrali necessari a prendere la qualifica di maestra d’asilo e poi il diplomino privato all’Unsas da assistente sociale, quello spacciato per diploma di laurea in Scienze sociali. […] Abbiamo il record mondiale di un ministro della Pubblica istruzione che non solo mente sui propri titoli di studio, non solo non è laureato, ma non ha mai neanche sostenuto quell’esame di maturità che ogni anno agita così tanto centinaia di migliaia di studenti». Lei come nulla fosse resta dov’è, che tanto ci sono maiali più uguali di altri. E la verità è che la Fideli è una sindacalista, una di quelle che sulla carta ha e ha avuto lezioni da impartire, di quelle che dai codazzi delle manifestazioni lezioni pensava di impartirne ma di come funzioni e abbia funzionato i mondo della produttività sa poco. Stessa solfa per i grillini, ché la protesta è una cosa, governare è un’altra storia. Tanto che Roma mica volevano vincerla, loro, e pure gli altri a dirla tutta. Ed è qui che si arriva al dunque, ché non è vero che il migliore ha almeno la rogna, non è che la politica sia tutta marcia. Esisto buoni amministratori, buoni politici, pessimi degli uni e degli altri e i bugiardi. Nei tre casi citati appaiono esponenti delle ultime poco invidiabili categorie. La coerenza (degli elettori e non solo) deve fare il resto, ammettendo tonnellate di compromessi utili al raggiungimento dello scopo, che si spera sia meritevole. Il resto è cagnara da antipolitica e per come siamo messi ci pare evidente non faccia bene a nessuno.

Condividi questo articolo!

di on 16 dicembre 2016. Filed under Attualità. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

5 commenti a Fedeli, Marra e la rogna in politica

  1. Luca Rispondi

    16 dicembre 2016 at 20:55

    Mamma mia che stanchezza ,comincio a far tanta fatica a seguire e capire chi è questa gente che trova l’America a sedere poltrone che non merita ma che equilibri di spartizione sotto il Regno Penzi Napolitano vengono fatti accomodare.

  2. Franco C. Rispondi

    16 dicembre 2016 at 22:08

    Secondo un mio amico, Walt Disney quando ha inventato il personaggio della Maga Magò si è ispirato alle sindacaliste italiane…

  3. sergio Rispondi

    17 dicembre 2016 at 09:06

  4. sergio Rispondi

    18 dicembre 2016 at 10:35

    la Contessa Pia Serbelloni Mazzanti Vien dal Mare (dico pare) non fosse disponibile

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *