Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Il ministro dell’Invasione (a sua insaputa)

Siamo all'arrivo record di 170mila migranti in un anno e il Viminale commenta laconico: "Non ce lo aspettavamo". Be', se porti avanti una politica di accoglienza a oltranza, senza respingere i clandestini, identificare i profughi e redistribuirli, un po' bisognava aspettarselo. Non crede, Angelino?

alfano 2

No, non lo sapeva mica. Né lo hanno avvisato. E comunque non è compito suo occuparsi di queste cose. Lui fa il ministro dell’interno, non può certo stare a badare ai numeri dell’immigrazione…

Mentre si scopre che quest’anno l’ondata migratoria toccherà il record di 200mila arrivi sulle nostre coste (200mila!), e che già sono approdati in Italia 170mila migranti (16,5% in più rispetto allo scorso anno), il ministro Angelino Alfano casca dal pero e, candidamente, tramite i suoi funzionari al Viminale, fa sapere testualmente: “Non ce lo aspettavamo” (sic!).

Ora, se porti avanti la politica dell’accoglienza-frontiere spalancate ai migranti – chiamata di volta in volta Mare Nostrum, Triton, Frontex e chi più ne ha più ne metta – se non riesci a mettere in atto un respingimento che sia uno e se non sei in grado di ottenere la distribuzione di mezza dozzina di profughi negli altri Paesi d’Europa, be’, come dire, ci sta che possano arrivare tutti in massa in Italia. Riassumendo, noi li prendiamo, non li rimandiamo nei Paesi d’origine (perché l’Italia ha pochissimi accordi di riammissione con gli Stati di partenza), non li fermiamo neppure in un centro identificativo per riconoscere i veri profughi e rimandare a casa i clandestini (come fa ad esempio l’Australia), non siamo capaci di far applicare l’accordo europeo sulla ripartizione quote migranti (dall’Italia dovevano essere trasferiti 24mila migranti, ne sono partiti appena 1300), e il ministro Alfano si sorprende?!

Vabbè, ammettiamo pure che non sia consapevole delle sue responsabilità politiche, che non si renda conto che la scellerata strategia di accogliere senza respingere e senza distribuire altrove, sia un suicidio bello e buono. Diamogli pure quest’attenuante. Ma io dico: un minimo di percezione della realtà, il ministro ce l’ha? Di chiunque siano le colpe, dovrebbe essere evidente che c’è un’invasione in corso e che l’Italia è il Paese più esposto, innanzitutto per posizione geografica. E allora come si fa a dire “non ce la aspettavamo”? Un’espressione che ricorda la risposta di Padoan al Salvini che gli chiede quanto costi un litro di latte: “Non lo so, la spesa la fa mia moglie”. Ministri completamente staccati dalla realtà…

Mettici pure l’assurda politica di redistribuzione interna dei migranti, per cui la Lombardia si deve accollare una fetta enorme, ben il 13%, un carico ormai difficilmente sopportabile, visto che si tratta del 13% su 175mila “profughi” ospitati nel nostro Paese: in sostanza, di oltre 20mila persone…

E mettici anche la sincera difficoltà di considerare “profughi” migranti che non provengono dalla Siria o dall’Iraq o dalla Libia, dove c’è la guerra e spadroneggia l’Isis, ma dalla Nigeria (il 21%: ok, lì c’è Boko Haram, ma pensare che siano arrivati solo quest’anno 35mila profughi scappati da Boko Haram ci sembra davvero una stima iperbolica), il 12% dall’Eritrea (Paese povero, d’accordo, ma si tratta di migranti economici, dunque clandestini), il 7% dalla Guinea, il 7% dalla Costa d’Avorio, e poi ancora dal Gambia, dal Senegal, dal Sudan, dal Bangladesh ecc… Migranti economici, capite? E noi continuiamo a chiamarli rifugiati.

Ma che ci vuoi fare, al Viminale abbiamo Alfano. Non solo “colpevole” di Invasione, ma pure Ignaro di esserlo. E non sai se sia più grave la colpa o l’ignoranza della colpa stessa.

Condividi questo articolo!

[wpca_cookie_allow_code level="4"]
[/wpca_cookie_allow_code]
di on 19 novembre 2016. Filed under Politica. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

14 commenti a Il ministro dell’Invasione (a sua insaputa)

  1. sergio Rispondi

    18 novembre 2016 at 16:20

    comunque, questa è la più bella della giornata → “Io voto No, a Dicembre Renzi a casa”
    e Salvini rischia di essere arrestato in Piazza Rossa a Mosca

  2. aquilone Rispondi

    18 novembre 2016 at 16:22

    Algerino Afgano (come qualcuno lo ha soprannominato, purtroppo non io, mi sarebbe piaciuto) non s’immaginava questi enormi flussi? Ma se son anni, ormai, che è risaputo che in libia ci siano quasi 1/mln di aspiranti profughi in attesa d’imbarco e che altri ne arrivano continuamente.
    Che biricchino!

  3. Francesco_P Rispondi

    18 novembre 2016 at 17:23

    Poi ci si lamenta che l’Austria costruisce il muro. Hanno ragione!
    Invece siamo noi che dovremmo costruire un ENORME MURO per separarci da Roma che finanzia l’immondo mercato dell’immigrazione clandestina con i soldi delle nostre tasse e mette a repentaglio la nostra incolumità.
    Troppo comodo rubare i soldi delle nostre tasse per finanziare bande criminali sulla nostra sponda del Mediterraneo e i signori della guerra, i mercanti di schiavi e i terroristi sull’altra.

  4. rosario nicoletti Rispondi

    18 novembre 2016 at 17:43

    Dire che si tratta di accoglienza-frontiere spalancate mi sembra riduttivo. Noi “andiamo a prendere” i clandestini – o comunque vogliamo chiamarli – fin sotto le coste della Libia. Questa politica sciagurata è stata iniziata dal governo Letta (operazione Mare Nostrum), ed è stata in seguito perfezionata con l’operazione Frontex. Frontiere aperte significa non opporsi all’invasione: qui siamo noi ad andarli a prendere non appena si mettono in mare.

  5. geometra 67 Rispondi

    18 novembre 2016 at 18:21

    L’abbiamo scampata bella!!Doveva essere l’erede di Berlusconi!!

  6. ultima spiaggia Rispondi

    18 novembre 2016 at 18:34

    Siamo alla parodia dei romanzi di Ian Fleming, ovvero degli James Bond all’italiana: gli 00,7 con licenza di uccidere.

  7. Luca Rispondi

    18 novembre 2016 at 19:06

    Uno sveglio e che si accorge dei guai solo dopo …davvero un semplice ed ingenuo uomo.

  8. cerberus Rispondi

    18 novembre 2016 at 20:45

    Non ho più parole adatte per esprimere il mio sdegno e ribrezzo per
    certa gente. Spero che l’onda ribelle proveniente dagli Usa contagi velocemente queste terre e i loro abitanti. Basta con gli ipocriti.

  9. lombardi-cerri Rispondi

    19 novembre 2016 at 08:00

    Quando un manager fa una constatazione del genere, va avviato il più rapidamente possibile verso il lavoro dei campi, ma solo, per carità! , a spandere letame

  10. Torrido Rispondi

    19 novembre 2016 at 09:06

    E oggi questo incapace si sveglia viene a Milano per l’emergenza delinquenza straniera, vediamo se i centri sociali andranno in piazza!

  11. sergio Rispondi

    19 novembre 2016 at 12:54

    e pensate che la Emma Bonino ( nota iena ridens Radicale )
    lancia allarmi sul : ” drammatico declino demografico della ‘ricca’ Europa ”
    http://www.radicali.it/comunicati/20160716/immigrazione-bonino-sconfiggere-grande-bugia-cambiare-racconto
    ( la tipa della pompa di bicicletta, per capirci )

    • aquilone Rispondi

      19 novembre 2016 at 17:09

      Già, hai proprio ragione. Prima era favorevole, coi suoi aborti a decimare le nascite, adesso …
      Ma si, che se ne vada in pace

    • cerberus Rispondi

      19 novembre 2016 at 17:32

      Non a caso fa parte di quella eletta schiera di traditori & collaborazionisti italioti. In galera dovrebbe stare,per infanticidio.

  12. aquilone Rispondi

    19 novembre 2016 at 17:04

    Si spendono decine di milioni affinchè la Marina Militare vada a prendere sempre più nuove risorse a dieci miglia dalla Libia. Adesso spenderemo decine di milioni affinchè l’esercito ci protegga dalle risorse raccattate dalla marina.
    Ragazzi, ma vi rendete conto che razza di paradosso ci apprestiamo a vivere?
    Se poi non è vero (che si prenderanno davvero misure militari) e si dimostrerà (come sono certo) soltanto fuffa propagandistica pro referendum, pro Sala, pro Alfano, pro Renzi, allora sarà ancora peggio e questi personaggi che ho nominato meriteranno giusto le parole che de luca ha riservato per rosy bindi: infami da uccidere

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *