Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Il ramadan in chiesa no

Il sindaco di Londra Sadiq Khan

Il sindaco di Londra Sadiq Khan

Sono contentissimo che nella mia Milano in dicembre l’arcivescovo guidi la novena di Natale in Duomo e che all’ultima di maggio nel mio quartiere si fermi il traffico per la processione che chiude il mese di Maria. Sono contentissimi i non cattolici, e io per loro, quando possono celebrare liberamente le proprie ricorrenze religiose in città, pubblicamente se questo è il caso. Estremamente difficile che io partecipi a una delle loro, praticamente impossibile che loro frequentino una delle “mie”. In ciò viviamo felici e contenti. Rispettiamo tutti il sacrosanto diritto alla libertà religiosa che precede qualsiasi legislazione dello Stato, ci onoriamo vicendevolmente come persone, non ci pestiamo i calli e tutto procede come dev’essere finché qualcuno semmai esagera, non con la religione, ma con la violazione del diritto naturale e della libertà altrui, e allora è lì che entra in azione il Codice penale.

A quelli che stanno già estraendo il cartellino rosso per accusarmi di “latitudinarismo” preciso subito che non mi sono mai sognato di pensare che tutte le fedi siano uguali esattamente come nessuno che professi una religione diversa dalla mia è tanto fesso dal pensarlo. Ognuno di noi ritiene di credere nell’unica religione vera, altrimenti cambierebbe squadra, e ognuno di noi si dà da fare come glielo consentono talenti, intelligenza, tempo e denaro per dire agli altri che la sua è la fede migliore. Quindi? Quindi vinca l’offerta migliore sul mercato delle religioni dove deve tassativamente regnare il laissez-faire più totale per il semplice fatto che lo Stato e le sue leggi non sono la fonte del diritto umano fondamentale alla libertà religiosa, ma semmai il suo garante. Per riconoscere le violazioni del diritto naturale, infatti, non è necessario lo Stato. Anzi.

Ma allora perché Sadiq Khan, il neosindaco musulmano di Londra che è tutto un multiculturalismo, ficca il naso dove non deve, e a rigor di diritto naturale nemmeno può, dicendo di volersi impegnare durante il Ramadan (il mese in cui i musulmani digiunano dall’alba al tramonto), iniziato il 6 giugno, affinché si ospitino «[…] cene di rottura del digiuno in tutta la città nelle sinagoghe, nelle chiese e nelle moschee»? Ma che senso ha? Il sindaco dice che così si diventa più simpatici gli uni gli altri, ma è solo l’ennesima baggianata.

Per prima cosa, non è con la caciara che si diventa più amici. In secondo luogo, perché caspita sinagoghe, chiese e moschee dovrebbe trasformarsi in sale da pranzo? Terzo, e più importante, come può ispirare simpatia ed essere preso sul serio uno che sbraca su ciò che ha di più caro, ovvero la propria fede? Certamente i musulmani, e hanno ragione, non prenderebbero mai sul serio i cristiani che sbracano e il mescolone che piace a Sadiq Khan è sbracamento. Immaginatevi del resto se un sindaco cristiano lapso di una delle grandi metropoli del mondo proponesse una bella recita compagnona del rosario in una moschea o in una sinagoga. I musulmani e gli ebrei strabuzzerebbero giustamente gli occhi, e i cristiani seri si darebbero convegno in luogo più consono.

Ma sono domande retoriche, lo sappiamo tutti. Al sindaco di Londra non interessa nulla delle religioni, islam, cristianesimo, ebraismo, etc. Ha studiato come guadagnarsi un nuovo quarto d’ora di pubblicità con l’ultima scempiaggine buonista e panciafichista. La cosa più triste, però, è che certamente qualche parroco inglese starà già apparecchiando la tavola pronto a farsi spernacchiare da qualche musulmano serio che la rottura rituale del digiuno se la passerà in famiglia offeso dalla proposta stupida del sindaco di Londra. Abbiamo già dedicato sin troppo spazio a questa ennesima cappellata del mondo in cui viviamo, e sarebbe solo fiato sprecato se non fosse l’ennesimo grave segno dell’andropausa culturale che ci circonda.

Condividi questo articolo!

[wpca_cookie_allow_code level="4"]
[/wpca_cookie_allow_code]
di on 7 giugno 2016. Filed under Dibattiti. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

6 commenti a Il ramadan in chiesa no

  1. Ernesto Rispondi

    7 giugno 2016 at 17:15

    Siccome va di moda in questi giorni Muhammad Ali, val la pena di raccontate qualcosa che disvela quanto il buonismo e l’ecumenismo siano una mistificazione, una orwelliana riscrittura della storia che assomigliano sempre più a una dottrina settaria.

    In questi giorni Muhammad Ali è stato innalzato a simbolo della lotta “per l’integrazione”, l’avrete sentito dire decine di volte. Muhammad Ali era un SEPARATISTA. Cercate sul web una delle su più famose interviste alla BBC. Fra mormorii di sorpresa, Ali disse letteralmente: “Gli uccelli blu devono volare con gli uccelli blu, e i rossi coi rossi”. Affermò, di fronte al bla bla politically correct del conduttore, che lui non avrebbe mai voluto che la figlia toccasse un uomo bianco. E che un uomo bianco non dovrebbe desiderare una donna nera, “perché questa è la volontà di Allah il Misericordioso”.

    Le icone che il comunismo si costruisce per affermare se stesso, oltre ad essere fasulle (perché raccontano un Muhammad Ali che non è MAI ESISTITO), sono distopie. Ci stanno cambiando il passato: Ali buonista e a favore dell’integrazione, mentre in realtà era amico personale… del capo del Ku Klux Klan. E partecipò anche a una riunione del KKK, e vi tenne un discorso.

    Googlate, finché potete, c’è tutto. Ma fare presto, perché “Alcuni risultati possono essere stati rimossi nell’ambito della normativa europea sulla protezione dei dati.”. Così si è incarnato l’uncubo di Orwell: Unione Europea.

  2. Rino Rispondi

    7 giugno 2016 at 17:49

    Disgustoso. Questo folle vuole solo approfittare del secolarismo dell’occidente per trasformare le chiese e le sinagoghe in moschee, come in maniera inquietante hanno già fatto in Francia, persino con il beneplacito del clero e dei loro vertici. E i fedeli cosa dicono? E le gerarchie del vaticano che comandano un gregge di un miliardo di persone se ne sta zitto di fronte a questo schifo e a questo squallore?

  3. cerberus Rispondi

    7 giugno 2016 at 22:34

    Come da copione…inizia con piccole cazzate per farne di grosse.
    I progressisti,la rovina di un’epoca.

  4. Marco Rispondi

    7 giugno 2016 at 22:38

    Questo vuol dire eleggere un soggetto che non possiede cultura laica anche si dichiara mentendo tale e confonde il suo ruolo con mediazioni pseudoreligiosita.Adesso arrivano i guai .

  5. recarlos79 Rispondi

    8 giugno 2016 at 11:24

    è proprio inglese. decostruisce le religioni in un grande minestrone. ma saranno proprio i musulmani a dirgli no.

  6. Calogero Rispondi

    8 giugno 2016 at 12:42

    Non mi sono ancora abbastanza interessato al programma e alle convinzioni di questo nuovo sindaco. Intanto mi chiedo se avesse avuto lo stesso coraggio per proporre che il natale cristiano sia celebrato nelle moschee e nelle sinagoghe.. Di sicuro questo signore è molto intelligente, e immagino che è ormai convinto che “qualche parroco inglese starà già apparecchiando la tavola”… Si è già messo all’opera, a quanto pare. Ormai, la strada verso il “pensiero unico” è già in marcia da anni..

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *