Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

È il Papa solo quando piace a loro

Nel commentare l'ultimo testo di Francesco, l'Amoris laetitia, i giornaloni ignorano volutamente le dure prese di posizione contro il gender e la manipolazione genetica. Meglio esaltarlo quando critica il capitalismo e il denaro...

papa francesco

Continua l’operazione piaciona nei confronti di Papa Francesco. Sopra un piatto d’argento, la stampa si autoserve adesso l’Amoris laetitia, l’esortazione postsinodale sull’amore nella famiglia dove c’è scritto tutto tranne quello che ne scrivono i giornaloni e i giornaletti. È tutto un fregarsi le mani, un darsi di gomito e uno scambiarsi di occhiolini per convincersi l’un l’altro che finalmente anche per la Chiesa è suonata la campanella della ricreazione, ma, spiace deluderli, non è vero. L’Amoris laetitia è un libro di 264 pagine suddiviso in nove capitoli e 325 paragrafi. Solo un paio di passaggi, al massimo tre, offrono il fianco, ma a una condizione: l’ignoranza. La Chiesa insegna infatti da sempre che una è la dottrina, che da essa discende una sola prassi e che i casi concreti spettano però ai confessori. Ai confessori, non agli uffici stampa. Fine della questione. E infatti le 264 pagine dell’esortazione apostolica contengono un mucchio di altre cose importanti, tutte regolarmente ignorate. Il giornalista di regime culturale prende servizio a questo punto. Papa Francesco piace. Piace quando la grancassa mediatica riesce a fargli dire le cose che vuole. Che il capitalismo è brutto, che la ricchezza è cattiva e che gli affari sono anche peggio. Sono tra quelli seriamente convinti che il Papa non dica per nulla così e lo sono in compagnia autorevole, almeno quella di George Weigel e di don Robert A. Sirico, ma concedo il punto agli avversari. Papa Francesco piace invece molto meno quando dice il resto, e lo dice sul serio.

Parla contro l’aborto, la manipolazione genetica, l’eutanasia e le teorie Lgbt, tutti argomenti più suoi che non l’economia. Per esempio lo fa nell’Amoris laetitia; a leggere i giornali non se n’è accorto nessuno, ma proprio questo è il dunque. Nell’Amoris laetitia il Ponetefice stigmatizza quell’«ideologia, genericamente chiamata gender», che (il Papa virgoletta dalla Relatio finalis del Sinodo dei vescovi del 2015) «“nega la differenza e la reciprocità naturale di uomo e donna”» e che pertanto è «inquietante» soprattutto quando vuole «imporsi come un pensiero unico che determini anche l’educazione dei bambini». Silenzio stampa, censura fascista. Il Papa? Mica le ha dette quelle così. Tant’è che dalle cronache e dai commenti non risulta… E invece Francesco non solo le ha dette, ma le ha pure ripetute, ribadendo magisterialmente ciò che già dicono sia la scienza sia il semplice buon senso: ovvero che «sesso biologico (sex) e ruolo sociale-culturale del sesso (gender) si possono distinguere, ma non separare». Mmmhmm… sicuro che il Papa l’abbia scritto? Sicuro sì, tanto quanto che il Pontefice puntutamente osservi pure che «la rivoluzione biotecnologica» («rivoluzione», ha scritto pesantemente il Papa, mica baci e bacetti), «la rivoluzione biotecnologica nel campo della procreazione umana ha introdotto la possibilità di manipolare l’atto generativo, rendendolo indipendente dalla relazione sessuale tra uomo e donna». Rileggere: «manipolare», ha detto il Papa a corto di buonismi e di pazienza sparando ad alzo zero contro quella fecondazione in vitro attraverso la quale «la vita umana e la genitorialità sono divenute realtà componibili e scomponibili, soggette prevalentemente ai desideri di singoli o di coppie». Per chi faticasse, glosso: non è un complimento. Il Papa dice che la dittatura LGBT e il fai-da-te procreativo ci hanno trasformati in tanti mostri di Frankenstein che durano lo spazio di un capriccio. Forse che quando tuona contro il consumismo parli di questo? Francesco non piace perché è il Papa; è il Papa quando piace.

Condividi questo articolo!

[wpca_cookie_allow_code level="4"]
[/wpca_cookie_allow_code]
di on 12 aprile 2016. Filed under Dibattiti. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

3 commenti a È il Papa solo quando piace a loro

  1. aurelio Rispondi

    12 aprile 2016 at 20:09

    Ma questo papa s’intende di tutto lo scibile su sessi e sessismi vari?Complimenti..la dottrina della Chiesa fa un bel salto nella liberalità.

  2. cerberus Rispondi

    12 aprile 2016 at 22:36

    Due pesi e due misure ,sempre. ipocriti progressisti non si smentiscono,mai.

  3. lombardi-cerri Rispondi

    13 aprile 2016 at 07:13

    Ho un termometro infallibile: quello che piace ai sinistri è un fallimento garantito.

Rispondi a lombardi-cerri Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *