Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La collaborazionista involontaria

Non paga delle sue lacrime, la Mogherini sostiene che per affrontare il terrorismo bisogna rafforzare «la coesistenza di religioni diverse» e riconoscere ai musulmani piena cittadinanza europea, perché «non esiste un "noi" e un "loro"». I jihadisti ringraziano

mogherini

Quando dice che “ormai siamo una cosa sola”, pensi al fatto che noi europei ormai rappresentiamo un’unica identità e dobbiamo difenderci insieme, fare fronte comune, batterci compatti contro la stessa minaccia. Pensi che lei abbia finalmente capito la necessità di ribadire e rafforzare il nostro spirito occidentale, incompatibile con chiunque voglia attentare alla nostra libertà e sicurezza. E invece no, perché Federica Mogherini, parlando di “cosa sola”, si riferisce all’unità tra noi e musulmani, allo stesso destino che ci lega, all’identità che condividiamo, alla storia reciproca di cittadini europei che non possono più dividersi tra un “noi” e un “loro”.

Quando pronuncia queste bestialità a Repubblica, rimpiangi il momento in cui la Mogherini piangeva soltanto; almeno allora era solo inutile, adesso è anche dannosa. Secondo l’Alto rappresentante della politica estera Ue, infatti, in una fase in cui lo scontro di civiltà si palesa in tutta la sua evidenza e violenza, occorre ribadire la necessità dell’integrazione, spingere l’acceleratore sul terreno dell’accoglienza e individuare tutto ciò che rende compatibili e addirittura “fonte di forza, di pace e di prosperità” le nostre diversità: l’appartenere allo stesso continente, alla stessa storia e quindi allo stesso futuro. Insomma, per la Mogherini, “la coesistenza di religioni diverse”, nonostante il tentativo di una di queste di sopraffare le altre, anziché essere la causa delle stragi avvenute in Europa, è addirittura la soluzione al problema. Siamo ai confini del collaborazionismo (culturale) con il nemico, tanto più colpevole quanto più ingenuo e inconsapevole. “Questi terroristi”, continua lei, “sono cittadini europei, nati in Europa, cresciuti in Europa. È l’alleanza, il dialogo, la cooperazione, la coesistenza di religioni diverse che risolverà questi problemi”. Dobbiamo dunque “cooperare” e “dialogare” pure con i terroristi per venire a capo della situazione?

Siamo alla volontà di autodistruzione oltreché al completo ribaltamento della realtà. La Mogherini teorizza infatti che “se ci raffiguriamo la questione in termini di noi, europei e cristiani, e loro, arabi, musulmani, terroristi, non vediamo la verità”. Ma non si rende conto, o si rifiuta di ammetterlo, che sono proprio “loro”, i terroristi musulmani, a non volere la convivenza pacifica, a odiare l’Occidente in cui pure nascono e crescono, a volere colonizzare e distruggere la nostra civiltà. E non si accorge che, a ergere muri, o peggio a mettere bombe, non è chi si preoccupa per la propria incolumità, ma sono proprio quelli che lei vorrebbe integrare in quanto vissuti in Europa come noi.

La Mogherini omette peraltro un passaggio essenziale. Si dimentica (forse volutamente) che quel terrorismo è alimentato da una matrice religiosa, che ha un’ispirazione dichiaratamente islamica, che chi uccide grida “Allah Akbar”, che i kamikaze si ammazzano in nome di Dio, credendo a Lui e a una guerra di religione. E sono quindi loro stessi, usando strumentalmente il Corano, a ribadire l’incompatibilità dell’islam con la nostra civiltà, a mostrare il volto più feroce di una differenza incolmabile di culture, che già nel quotidiano e con manifestazioni più o meno drammatiche mostra la sua impossibilità di ricomporsi. Sì, dobbiamo avere la forza e il coraggio di dire che noi e loro siamo diversi, pensiamo e crediamo diversamente e ci riferiamo a valori differenti, abbiamo concezioni opposte in merito al rispetto della vita umana, della donna e della convivenza sociale, e due modi incompatibili di intendere il rapporto tra religione, Stato e vita individuale, e cioè i legami tra il privato e il pubblico, e tra la sfera laica e quella sacra. Siamo agli antipodi, noi e i musulmani, pur condividendo la stessa porzione di Terra. Perché il presupposto per “vivere e lavorare insieme al di là della nazionalità, della religione e della cultura”, come vuole la Mogherini, è che ciascun individuo rispetti l’altro, che i nuovi arrivati a maggior ragione rispettino la cultura del luogo in cui arrivano e che tutti rispettino insieme le leggi di quel Paese, e non che uno si faccia saltare in aria perché odia l’altro con cui convive.

Non è un dettaglio, questo. Eppure la Mogherini l’ha omesso. Ecco perché le sue parole fanno male. Ed era meglio quando piangeva soltanto.

Condividi questo articolo!

di on 24 marzo 2016. Filed under Politica. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

15 commenti a La collaborazionista involontaria

  1. geometra 67 Rispondi

    24 marzo 2016 at 16:42

    Povera Europa,più in basso di così! L’ISIS ha già vinto!

  2. aquilone Rispondi

    24 marzo 2016 at 16:54

    Basta Veneziani, prenditi una pausa. Ogni volta che leggo un tuo articolo mi fai star male, mi fai pensare in quale cazzo di continente mi succede di dover tirare la carretta, mi ricordi che viviamo in una comunità rappresentata dalla classe politica più imbecille, più in mala fede, più traditrice, più imbelle che possa esistere sulla faccia della terra. Basta, prenditi una pausa, tanto non c’è più niente da fare perchè chi potrebbe fare qualcosa non lo farà mai, lo abbiamo capito, e noi saremo condannati, molto presto, a pregare a culo all’aria rivolti alla mecca e, finalmente, saremo stati integrati. Anche il Papa ne sarà contento

    • Emilia Rispondi

      24 marzo 2016 at 17:52

      Esatto . Anche il Papa ne sarà contento.

  3. Marco Rispondi

    24 marzo 2016 at 16:57

    Ma questa che hanno cercato con campanello e lanternino di notte perché non va a battersi con la Boldrini contro le lapidazioni femminili e lo schiavismo che questi disgraziati con componente assassina si portano dietro.Vadano con questi soggetti per un po e senza ruolo istituzionale e magari capiranno quando le avranno trattate come le donne vengono trattate cioè da fattrici senza diritti e carne da macellare ogni volta che si ubriacano i maschietti,anzi no li l’alcool è’ peccato punibile con cento fustigate, dieci sputi in faccia e quattro sberleffi alla loro mamma quindi stiano tranquille ma vadano a piangere da quelle parti.

  4. Ernesto Rispondi

    24 marzo 2016 at 17:12

    L’involontarietà, nelle parole dei collaborazionisti comunisti, la vedete solo voi.
    Un po’ come quando erano “involontariamente” filosovietici, salvo poi scoprire qualche anno dopo che erano generosamente sovvenzionati (e fino all’ultimo istante) da un fiume di rubli proveniente da Mosca.
    Essere comunisti è un lusso, e costa. E grazie al petrolio, la causa musulmana è sostenuta attraverso miliardi di dollari. Tutti questi puri di cuore, tutti di colpo paciafisti… Che coincidenza…

  5. Franco C Rispondi

    24 marzo 2016 at 17:43

    Che fosse una imbecille lo sapevamo già da tempo. Ma forse lei non vuole che qualcuno possa avere dei dubbi, per cui ci fornisce in continuazione ulteriori prove.

  6. DB56 Rispondi

    24 marzo 2016 at 17:57

    BASTA MOGHERINI ! TACI TACI TACI TACI TACI TACI E TOGLIETI DALLE SCATOLE, ANZI NO …….SE TI PIACE TANTO QUEL MODO DI CONCEPIRE LA VITA VAI……….VAI ……………VAI….. DA LORO, IN MEZZO A LORO MA COME UNA DONNA QUALUNQUE – POI VEDRAI QUANTO SIA IMPORTANTE IL DIALOGO DOVE LE DONNE SONO CONSIDERATE MENO DI NIENTE, MENO DI UN CAMMELLO, VENGONO DATE IN SPOSE A 7 ANNI ( V. MAOMETTO) ET VIOLENTATE A 9 ANNI (V. SEMPRE MAOMETTO )
    DOVE LE ADULTERE SONO LAPIDATE TANTO E’ SEMPRE COLPA LORO !
    DOVE SE RUBI TI TAGLIANO UNA MANO E NON MANDANO IN GALERA CHI DIFENDE LA PROPRIA CASA E LA PROPRIA FAMIGLIA.
    MA VAIIIIIIIIIIIII.
    GRAZIE.

  7. maboba Rispondi

    24 marzo 2016 at 19:01

    Quando politici ed intellettuali, si esprimono con queste assurdità che contrastano con la storia ed i dati di fatto, bisogna annusare l’aria, perché sicuramente emanano profumo di petrolio.

  8. cerberus Rispondi

    24 marzo 2016 at 21:38

    Idiot at work.

  9. Francesco_P Rispondi

    24 marzo 2016 at 23:40

    Vi lamentate della Mogherini?
    C’è di peggio!
    Ecco come Obama pensa di sconfiggere l’ISIS : http://www.redstate.com/streiff/2016/03/24/video-obama-unveils-new-strategy-defeat-isis-tango/

    • femine Rispondi

      25 marzo 2016 at 11:52

      Europa te la sei voluta dice lo stolto mentre volteggia a suon di tango. Niente di nuovo sul fronte…Il Nobel per la pace a prescindere fa venire lacrime vere a noi negletti, altro che la pagliacciata piangiotta della Mogherini in gramaglie; la donnetta va consolata e rimessa al suo posto di casalinga di lusso.

  10. Becero Rispondi

    25 marzo 2016 at 08:48

    Certo che non è per niente bella.

  11. stanco Rispondi

    26 marzo 2016 at 20:33

    Mi dite chi e’ e cosa fa di serio ???? Una del genere non dovrebbe manco dirigere le pulizie delle latrine. E poi….. ci parlano d’europa……, non sanno neanche cosa sia e a cosa serva.

  12. giorgio bressan Rispondi

    30 marzo 2016 at 15:46

    A mio avviso il reale problema è che i partiti di sinistra hanno bisogno degli immigrati per restare al potere. A loro non interessa che il voto, visto che la maggioranza degli italiani non la pensa come loro.

  13. giorgio bressan Rispondi

    30 marzo 2016 at 15:46

    A mio avviso il reale problema è che i partiti di sinistra hanno bisogno degli immigrati per restare al potere. A loro non interessa che il voto, visto che la maggioranza degli italiani non la pensa come loro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *