Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Sogni (vacanzieri) corrotti

In tempi di crisi la vacanza ideale diventa un sogno? Se per questo lo è anche in tempi non sospetti di vacche grasse. Accontentare la famiglia, il partner o un compagno di viaggio equivale alla soluzione del conflitto arabo-palestinese, possibile solo nella fantasia o nello sterminioE siccome grazie al fair play e alla correttezza a estinguerci saremo noi occidentali, rassegniamoci, il nostro è il destino del compromesso anche in vacanza. Forse la soluzione è il sogno. Economico, meno faticoso e fattibile giornalmente ovunque: a letto, alla scrivania dell’ufficio o in coda alla posta. E se la fantasia non ingrana ecco qualche sogno di spunto.

L’oppresso.
Sorvolare in mongolfiera la propria città e ammirarne le bellezze a distanza dai soliti noti ottusi e rompiballe. Gérard Depardieu vorrebbe essere un uccello per “volare alto e cagare sulla gente”, a noi basterebbe farlo mentre sorvoliamo il giardino del nostro miglior nemico.

SogniLo sportivone.
Bicilandia. Una colonia mitteleuropea col microclima, niente pioggia e con divieto di circolazione per le auto. Pedalare pedalare pedalare e fermarsi solo per imbracciare il fucile e mirare l’impavida auto che si avventura sul terreno proibito. Un sogno stupendo da cui ci si sveglia di botto per una gomma a terra e senza una maledetta auto salvifica nei paraggi.

Lo stressato.
In crociera sul Rio delle Amazzoni col capufficio. Un bel selfie da postare su facebook, e se i like non arrivano a 50 lo getti in acqua e filmi il pasto dei piranha live. Quel che accade dopo va da sé: processo, carcere, un grigio incubo kafkiano che tinge di rosa il risveglio in ufficio.

L’ecologista.
Partire rigorosamente a piedi dribblando le formiche. In due settimane di ferie sfiorerà al massimo la provincia limitrofa. A malincuore contribuirà all’emissione di Co2 per un paio di passaggi in bus, ma solo se vicino al collasso. Chi arriva a immaginarsi una vacanza così, è meglio che collassi direttamente in ufficio a ferragosto.

L’abbandonato dalla fidanzata.
Sognare di portarsi la ex in montagna in camper insieme a sua madre, al fratellino e al gatto. Negli spazi ristretti, con la suocera che russa e il gatto che vomita nelle curve, l’idillio svanirà per incanto e al risveglio sarà un vero piacere correggere lo status del social con “felicemente sfidanzato”.

Per il solitario.
Al posto del decollo la rampa di lancio per una vacanza interstellare. Se non sarà la cometa abc-69, anche un allunaggio sarà sufficiente per respirare aria di libertà pur nell’angusto spazio di una capsula. Perché qui la famiglia di sicuro non ci segue.

Il romantico.
Due cuori e una capanna una cippa. E alla pippa, se litigate e non ve la dà, si aggiunge la nostalgia del servizio a 5 stelle. Quindi partenza per un resort di lusso, poi chi c’è c’è, e chi non la dà si accomodi pure, con molte stelle la sostituta si trova in un lampo.

Fortuna che almeno i sogni non sono corretti. Corrotti è meglio.

Condividi questo articolo!

[wpca_cookie_allow_code level="4"]
[/wpca_cookie_allow_code]
di on 27 maggio 2015. Filed under Intraprendente on the road. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *