Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Avviso ai putiniani nostrani: Putin è mortale

putinPutin scompare e poi ricompare. E nei suoi pochi giorni di assenza dalla scena pubblica, si è scatenata la solita bufera di ipotesi dei cremlinologi e di gossip. Persone informate dei fatti ed ex amici di Putin, fra cui il liberale Andrei Illarionov parlavano già di “golpe” e si stava già facendo il toto-successore: sarà un militare come Shoigu (attuale ministro della difesa)? Sarà un riformatore? Sarà un altro ex ufficiale del Kgb? Niente di tutto questo: è ancora il vecchio Putin al comando. Una sola cosa è emersa da questo breve e curioso episodio: noi, di quel che avviene al Cremlino, non sappiamo veramente nulla. I nostri leader non possono nascondere nemmeno i festini in casa loro (Berlusconi può spiegarlo bene), ma del leader del Cremlino non sappiamo manco se è vivo, morto, silurato, con un raffreddore o in Svizzera al battesimo (ovviamente segreto) del figlio. Tra parentesi, di Putin non si sa neppure ufficialmente da chi lo abbia avuto, questo figlio. Si dice lo abbia avuto dalla ginnasta e ballerina Alina Kabaieva. A una giornalista che stava chiedendoglielo, anni fa, aveva risposto di “non ficcare il suo naso bagnato” nelle sue vicende personali. E tanto era bastato per mettere a tacere la stampa.

È in questo contesto di mistero assoluto che si terrà, il prossimo 20 marzo, la conferenza promossa dall’associazione Lombardia-Russia per promuovere gli investimenti in Russia e Crimea. Si doveva già tenere il 6 marzo e avevamo espresso in merito tutte le nostre perplessità del caso, per un evento pubblico che promuove rapporti commerciali che aggirano, di fatto, delle sanzioni europee. Rimandata al 20 marzo non vedrà più la partecipazione di Roberto Maroni: almeno la Lombardia non sarà rappresentata nella figura del suo presidente. E non ci sarà nemmeno l’avvocato Sutti, su cui Sel ha promosso un’interrogazione regionale, accusandolo di simpatie neofasciste. Restano gli altri, russi e leghisti. (E, detto fra parentesi, non si capisce come mai un avvocato italiano debba creare scandalo, mentre un ministro della Crimea, cioè una regione ucraina sotto occupazione russa, nessuno dice bah…). L’iniziativa lombarda non è l’unica nel suo genere. Anche all’altro capo dello stivale, Reggio Calabria ha annunciato il suo progetto di gemellaggio con la città di Kerch, in Crimea, occupata dai russi. Nel progetto si esprime l’amicizia e la vicinanza della città di Reggio Calabria alla Russia. Non all’Ucraina. Dunque si dà per scontato che Kerch e la Crimea siano ormai russe. Di più: si auspica anche la costruzione del ponte fra la Crimea e la Russia (come quello che si vorrebbe costruire a Messina), così da sancire l’annessione anche fisicamente.

Perché ricordare queste iniziative italiane in un articolo che era incominciato con i segreti del Cremlino? Semplice. Se il prossimo gossip sulla dipartita (politica e/o fisica) di Putin dovesse rivelarsi vero, tutto questo castello di relazioni crollerebbe in un colpo di vento. Imprenditori, politici locali e nazionali, intellettuali dissidenti di estrema destra e aspiranti sussidiati del Cremlino fondano le loro speranze su un sistema di potere che loro credono forte, ma che in realtà si fonda sulla salute e sulle scelte di una singola persona. Non è più come ai tempi dell’Urss in cui i rapporti fra la casa madre e i partiti-satellite erano praticamente istituzionalizzati e morto un leader anche i suoi successori ereditavano la stessa rete di rapporti. La Russia di oggi è una monarchia, molto più monocratica rispetto a quella dei tempi degli zar. Morto un re, il successore cambierà tutto. E di Putin, delle sue reali intenzioni, della sua salute, della sua solidità politica, ammettiamolo: non possiamo sapere nulla.

Condividi questo articolo!

[wpca_cookie_allow_code level="4"]
[/wpca_cookie_allow_code]
di on 13 marzo 2015. Filed under Attualità. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

23 commenti a Avviso ai putiniani nostrani: Putin è mortale

  1. Talita Rispondi

    13 marzo 2015 at 18:28

    Caro Stefano,
    qui vedo un’aporia insormontabile:
    se dici che noi del Cremlino non sappiamo niente, su che cosa basi la successiva informazione che “Morto un re, il successore cambierà tutto”?

    Delle due l’una:
    ● o non sappiamo niente del Cremlino;
    ● o sappiamo almeno qualcosa: che “Morto un re, il successore cambierà tutto”, appunto.

    Metti la crocetta dove ti pare, ma hai a disposizione una crocetta sola.

    • marcello Rispondi

      13 marzo 2015 at 18:43

      Come sta tuo marito?

      • Talita Rispondi

        13 marzo 2015 at 18:46

        E il tuo?!

        • Gianluca Rispondi

          13 marzo 2015 at 19:42

          Già, cosa vuoi saperne. Ehi, c’è qualche tua amica o collega lì? Allora ditemi: Come sta suo marito?

          • Talita

            13 marzo 2015 at 20:58

            Sembra proprio che tu abbia tentato di esprimere un concetto:
            ma quale?! :roll:

            Poi, invece di cambiare nick, mi puoi spiegare che è tutto questo interesse per i mariti altrui?
            Ne deduco che hai grossi problemi con il tuo consorte, ma non li risolverai certo così.
            Prova con un consulente s/matrimoniale.

        • Gianluca Rispondi

          14 marzo 2015 at 02:43

          • Gianluca

            14 marzo 2015 at 02:50

            Vai a 6:10 e capirai.

    • Stefano Magni Rispondi

      14 marzo 2015 at 18:57

      @Talita, giusta considerazione. Più che “sappiamo nulla” meglio dire che “sappiamo troppo poco” (per farci un calcolo, intendo). E più che “il successore cambierà tutto” meglio dire che “potrebbe anche cambiare tutto”. Quindi resta la conclusione: troppo rischioso fare un investimento di lungo periodo su Putin, sia politico che economico.

  2. Francesco Rispondi

    13 marzo 2015 at 20:14

    Si rosica, si rosica…
    Purtroppo per voi, anche se l’odiato Putin dovesse morire, qualunque successore, anche avversario politico, non ve la darà vinta su alcuna delle questioni di politica estera aperte.

    Perchè Putin, vi piaccia o no, sta facendo gli interessi della Russia.

    Disprezzarlo a priori, è altrettanto stupido che disprezzare a priori la Merkel.

    Entrambi fanno gli interessi dei rispettivi paesi…

    • Stefano Magni Rispondi

      14 marzo 2015 at 19:02

      Mi definisca quali sono gli “interessi della Russia”. Fino al 1917 coincidevano con quelli dell’Occidente, poi sono diventati nemici (1917-1936), poi ancora amici (1936-1939), poi ancora nemici assieme ai nazisti (1939-1941), poi ancora alleati contro i nazisti (1941-1945), poi ancora nemici (1946-1991), poi amici (1991-1994), poi almeno partner (1994-2004), infine sempre più nemici (sempre peggio dal 2004 ad oggi). Quindi, qual è il vero interesse russo, secondo lei? Solo quello che va a danno degli Usa e dell’Europa occidentale?

      • Francesco Rispondi

        15 marzo 2015 at 13:22

        Non è che ci fate sta gran bella figura a confondere la Russia di oggi con l’Unione Sovietica… Contenti voi…

  3. sergio Rispondi

    13 marzo 2015 at 21:38

    e se Putin, ad esempio dicesse: “la minaccia inusuale e straordinaria alla sicurezza nazionale e alla politica estera della Russia, posta dall’ Ucraìna ” … cosa scriverebbero i nipotini dello zio Tom ?

  4. peter46 Rispondi

    13 marzo 2015 at 22:05

    Egr.Magni…pensavo che volesse informarci sul caso Nemtsov,lasciato in sospeso(era da qualche giorno,in verità,che volevo chiedere notizie all’Intraprendente su come era finita,ma…non l’ho fatto dato che avevo commentato che forse era meglio aspettare invece di ‘addentrarsi’ quando ancora non si era certi che di semplici ‘insinuazioni’:qualche giornale ha tirato fuori ‘novità’,ma,a mio parere,meglio aspettare ancora…)e invece…quanto ci manca il gossip ora che di Berlusconi,una volta assolto su ‘Ruby chi’,non frega niente a nessuno(lo dicono i sondaggi che non hanno ‘registrato’ alcun variazione ‘in alto’ del suo gradimento rispetto ai soliti che lo precedevano(Meloni compresa).Meglio ‘lanciarsi’ su quello ‘internazionale’?
    Ecco,però,spiegato il motivo del perchè i “Mezzogiorni bagnati,a est,a sud ed a ovest,dal Mare di Mezzo”(i Calabresi)non hanno voluto inviare i Bronzi all’expo:arrivano i nostr…Russi a godersi la ‘vista di quelle meraviglie’,perchè “ne hanno diritto” e a Sud glielo viene ‘riconosciuto’.—lei lo sa che la guerra(Ucraina o Crimea a parte…)’mondiale’ è stata evitata proprio dalle forze Russe,e cooperanti Cinesi,(fonti di giornali Libanesi ed Asiatici)che,dicono,hanno intercettato dei missili già lanciati,contro la Siria,dalle forze navali anglo-americane,e cooperanti Israeliani,che tra agosto e settembre 2013 hanno invaso il ‘Nostro Mare di Mezzo’,il Mediterraneo,e che niente è stato fatto ‘trapelare’ dalla stampa “libera” Occidentale(1)—Non possono fare affari,fregandosene dell’embargo,solo la Francia(che consegna le fregate)e la Germania,1° partner commerciale della stessa Russia.Eppure tutti pensavamo che si erano mossi,Merkel e Hollande,solo per imporre a Putin un accordo sull’Ucraina…diamine gli affari sono affari…ecco che non volendo Renzi ‘divincolarsi’ dall’abbraccio americano, si sono permessi i ‘secessionisti’ Reggini di fregarsene dell’embargo.Cosa venderanno ai Russi?Quel che potranno della ‘loro’ produzione…sicuramente nduja e peperoncino in quantità,nell’attesa che i Forestali si sveglino,post piogge di questo periodo,e vadano a raccogliere i …funghi:gli agrumi il prossimo anno,ormai.
    NB:Di Putin non si sa nulla e non avrà ‘eredi’?Però si sa che era ed è(penso)’amico’ di Berlusconi…non ‘bauscia’ però.

    NB:anche se per i non Putiniani non può essere affidabile(1)

    http://www.rischiocalcolato.it/2015/03/perche-loccidente-odia-putin-la-ragione-segreta.html

  5. peter46 Rispondi

    14 marzo 2015 at 13:04

    Stefano Magni…ma c’è qualche problema con ‘Il Giornale’ dell’altro S?
    Sembra che la ‘marchi’,non ad uomo,a ‘zona’ dato che son passati dei giorni,che sempre però ‘marcamento’è.Ricorda il suo articolo del 4 marzo “Tutti i morti ‘accidentali’ di Putin”?L’incaricato del ‘marcamento’,Matteo Carneletto,ha voluto farle sapere che anche dall’altra parte(Ucraina)non è che ci siano stati,o ci siano,comportamenti più…democraticamente più umani,tutt’altro.Certo forse il ‘peso’politico sarà anche diverso o la bilancia sarà sempre a ‘sfavore’ di Putin…ma a coloro che pensano che le bilance dovrebbero essere ‘vietate’,il peso è sempre ‘uguale’ soprattutto quando si inizia a fare gli elenchi.

    http://www.ilgiornale.it/news/mondo/ucraina-misteriose-morti-degli-ex-funzionari-filorussi-1105016.html

    • peter46 Rispondi

      14 marzo 2015 at 17:50

      Ed ancora ‘il giornale’oggi.
      “La tregua resiste”
      ma gen. americano(se poi è anche obamiano non si sa se è peggio o meno,anche)
      “Dobbiamo iniziare a uccidere così tanti russi che neanche i media di Putin potranno nascondere il fatto che stanno tornando in patria nei ‘sacchi per cadavere'”…
      e bravo l’ultimo c……e della serie:ti sembra che i Russi,dentro casa loro o meno,siano MILITARMENTE un Saddam chi,un Gheddafi chi,un dittatorello centro-americano da destabilizzare su tuo imput(anche se qualcuno di quelli ti ha fatto abbassare la cresta)…ricorda il Vietnam,ogni tanto…e tutto il resto:e perchè malgrado il ringraziamento per quello ‘sbarco’…rimani,come nazione,quella che ha armato Pol Pot sperando in una funzione anti-vietnamita:e sappiamo come è finita.Ed il resto…anche.
      Ma se la tregua resiste saranno anche cavoli loro—e nostri come Europei—come mettersi d’accordo o no?

  6. Sergio Andreani Rispondi

    14 marzo 2015 at 14:54

    Avviso agli Obamiani : Obama è già morto.

    • Alfonso Rispondi

      14 marzo 2015 at 15:38

      Chi è mai stato Obamiano qui? Nessuno. Quindi evita le cretinate.

      • Sergio Andreani Rispondi

        15 marzo 2015 at 21:02

        Sallusti è pro americano e obamiano : quindi io non evito proprio niente.

        Se qui c’ è un cretino , non sono io.

        • Giovanni Sallusti Rispondi

          15 marzo 2015 at 23:18

          Alt, Andreani. Quello che sono lo decido io. Lasci almeno questo, la facoltà d’autodeterminazione, a noi liberali non inginocchiati davanti all’ex colonnello del Kgb. E sono indubbiamente, chiaramente, fortissimamente pro-americano, certo. Lo sono, tra le altre cose, perché ho dato una scorsa alla storia del Novecento, e a quei “cretini” di vent’anni che si sono fatti falciare su una spiaggia della Normandia perché lei fosse qui, oggi, libero di dare patenti di cretineria. Ma anche per mille altri motivi, compreso averci tenuto dalla parte giusta durante una certa “guerra fredda”, do you remember? Sono obamiano come può esserlo qualunque filo-repubblicano reaganiano e libertario, quindi quasi zero. Solo il minimo indispensabile per scindere la persona (un leader per larghi tratti inadeguato) dalla funzione (la presidenza della più grande democrazia liberale del mondo). Saluti

          • Sergio Andreani

            17 marzo 2015 at 05:35

            Io se sono qui lo devo a mia madre e forse a Dio , non ad una masnada di statunitensi che da oltre 70 anni occupano il mio Paese.

            Se lo ricordi.

          • Sergio Andreani

            17 marzo 2015 at 05:37

            Le ricordo inoltre che non sono stato io a dare del cretino a nessuno , bensì il signor Alfonso.

            Quindi legga bene prima di postare i suoi commenti pedagogici.

        • Alfonso Rispondi

          16 marzo 2015 at 10:59

          Lo sei, fidati.

  7. peter46 Rispondi

    16 marzo 2015 at 15:21

    Se posso…posso,vero?
    A naso mi sembra che il Presidente degli Stati Uniti D’America non può ‘avventurarsi’ nel mondo con ‘l’atomica o senza'(ma può di sua spontanea volontà solo con le ‘colt’ fornite alle ‘sue’ organizzazioni “parallele”(Cia et similia o per “interposta” persona)indubbiamente,altrimenti che presidente è,qualcosa gli si deve essere concesso di sua ‘prerogativa’,o no?)senza il voto del Congresso essendo ‘giustamente’ la più grande Democrazia’ del Pianeta:dunque piaccia o non piaccia,per i ‘momenti determinanti’ di cui si sta discutendo su quest’articolo e ‘precedentemente su altri,non si può ‘prendere la carne e lasciare ad altri le ossa’,:non deve essere Obama ma l’America intera in ‘discussione’.Sembra oh! che le accuse sui ‘comportamenti’non sono stati solo dell’era Obama…ma di tutte(escluso l’indimenticabile ‘sbarco’ s’intende…ma non la ‘pace’ susseguente,s’intende,anche,a mio parere)le altre ere precedenti,quindi….forse,forse oh! ed a mio parere oh!,non sarebbe il caso di ‘fermarsi’ un attimo e ‘finalmente’ porsi l’unica domanda che ha bisogno di una risposta(parafrasando un interessante libro che forse pochi hanno voluto(o potuto)leggere:
    “”Perchè Li(ci) Odiano””?
    Diamine,non c’è posto al mondo che non li ‘odia’,Europa,Asia,Africa,Americhe,Oceania,Poli…esclusi ‘s’intende i ‘fantocci governanti’,ma non i singoli individui.Tutti ‘comunisti’?
    E pensare che non si può neanche ammettere che siano stati o siano(gli odiatori)tutti ‘comunisti’ dato che tanti ‘comunisti’ sono stati armati proprio da loro,dunque…ci sarà stato un motivo,un certo comportamento che agli occhi di ‘miliardi’ di persone in questo mondo,li porta ad ‘odiarli’?E si può non ‘uniformarsi’sul giudizio verso quei ‘comportamenti’ da cui deriva l’odio nei loro confronti?Anche perchè la catena che viene,alla fine,chiamata a ‘pagare’ in virtù delle ‘loro’ decisioni…siamo noi.
    Che non sia meglio cercare di pararsi il…cxxo?
    NB:ieri qualche giornale ha insinuato che Putin era pronto,su Crimea e ‘conseguenze’,alla guerra ‘atomica’….

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *