Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

È tutta questione di scelte: mai scegliere giornalisti e chef

giornalistiNon troviamo l’uomo della nostra vita? È perché non lo sappiamo scegliere. Come sostiene nostra nonna, e conferma anche un sondaggio di Speed Vacanze. La ragione è semplice: andiamo a cercare solo quelli con le caratteristiche sbagliate. Quali sono le professioni che ci attirano di più? Lo chef, il giornalista e il rugbista. E quali sono quelle in cui è più alto il numero di persone con tendenze psicopatiche, ovvero fredde, manipolatrici, egocentriche (e affascinanti, ca van sans dire)? Ai primi dieci posti compaiono (sorpresa!) proprio giornalisti e chef. Si salvano giusto i rugbisti, ma non mi sembra il caso di farci troppo affidamento: non è che in Italia il rugby sia esattamente lo sport nazionale. I papabili si contano sulle dita di una mano, rari come panda. Per non avere problemi, sarebbe meglio puntare su infermieri, insegnanti, artisti, terapeuti e ragionieri. Ma si sa: al cuor non si comanda…

Condividi questo articolo!

[wpca_cookie_allow_code level="4"]
[/wpca_cookie_allow_code]
di on 22 marzo 2014. Filed under Diario di una single. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

3 commenti a È tutta questione di scelte: mai scegliere giornalisti e chef

  1. silvia Rispondi

    22 marzo 2014 at 18:55

    comunque è: “ça va sans dire”….

  2. Marco Rispondi

    23 marzo 2014 at 00:52

    Quindi per me che faccio il camminatore al ministero del funzione pubblica non ci sarebbe speranza?Sappia Signora bovari’ che mi sono iscritto ad un corso per infermieri per rientrare in gioco.Aspetto.

  3. Susanna Bettoni Rispondi

    28 marzo 2014 at 00:01

    Negli anni 70 i piu’ ambiti erano i bancari perché’ avevano 16 mensilita’, ma purtroppo un cervello da ragionieri. Eppure a me ne sono capitati alcuni…e non avendo dato retta al buon senso, non e’ finita bene.
    Invece mio padre aspettava un Dott. Ing. da inserire in azienda. Meno male per loro che devono aver sentito odor di bruciato e si sono dileguati prima di apparire…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *