Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Immaginate un abbraccio chiamato musica

musica_insiemeImmaginate un gruppo di ragazzi, magari capitanati da un musicista di talento. Immaginate un angolo di Nord, una bomboniera poggiata sul lago. Ora figuratevi quella città ipotetica, che potrebbe essere Como. Ecco, allora supponiamo che questa città ipotetica negli anni sia stata lentamente e drammaticamente sottovalutata, guidata nella notte a fari spenti. Supponete, poi, che la capacità culturale e vitale di questa città ipotetica sia stata soffocata. Socchiudete gli occhi e provate infine a pensare all’aria primaverile che vi accarezza le spalle (ci vuole ancora un po’ di fantasia ma arriverà, il caldo, si spera), una musica leggera e intensa ed emozionante e un’artista che dipinge guidata dalle note. Come se fosse l’ora dell’aperitivo, come se la musica da camera fosse stata resa fruibile a tutti, come se le distanze tra il musicista e il pubblico fossero state annullate. Come se fosse nata una rassegna di livello internazionale in un posto incantevole qual è uno dei laghi più belli del mondo. Una rassegna gratuita e aperta a tutti. Come se fosse nata Como Classica, viva di vita ed entusiasmo giovane. Come se Como Classica desse il via questa domenica, una domenica per questo per nulla uguale alle altre, a una rassegna eccezionale, con ospiti accattivanti. Come se stasera alle 18 in Pinacoteca, Palazzo Volpi, Como, andasse in scena Dipingendo Bach, con il primo violoncello del Giardino Armonico M° Paolo Beschi e la pittrice Rosanna Pressato.comoclassica_locandina2

Immaginate di andare a curiosare il programma qui e di non perdervi nessuna delle prossime serate. Immaginate quanto ne vale la pena e pure che un Paese senza cultura non può dirsi tale. Sorridete, ché la vita offre un sacco di cose e l’arte è forse una delle più preziose. Sorridete e preparatevi alla meraviglia della musica classica a portata di mano, salutati i formalismi, abbracciato il pubblico che siete voi. Protagonisti con lei. Buona domenica.

Condividi questo articolo!

di on 7 aprile 2013. Filed under Blog. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Un commento a Immaginate un abbraccio chiamato musica

  1. rabi Rispondi

    10 giugno 2013 at 22:23

    bello

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *